Accompagna l’amica dall’ottico e si becca la multa. In città 175 sanzioni in un mese

Altra giornata di pattugliamenti a Lecce per il rispetto delle misure di contenimento da coronavirus. Oggi altre 5 multe, per un totale di 175 sanzioni.

La giornata di oggi, dopo il tour de force delle festività pasquali, è proseguita con i consueti controlli in tutto il territorio comunale da parte della Polizia Locale di Lecce. Nel giorno de ‘lu riu leccese’ gli agenti del Comando di viale Rossini hanno proceduto a raccogliere 166 autocertificazioni, comminando cinque sanzioni per spostamenti ingiustificati.

In particole, gli operatori hanno sanzionato una coppia leccese diretta a Frigole a fare la spesa, un uomo diretto ad un centro commerciale, una ragazza che accompagnava un’amica dall’ottico e una donna che non era in grado di fornire una plausibile motivazione alla spostamento. Le attività commerciali controllate sono state 33, senza riscontrare irregolarità.

Con queste nuove violazioni contestate, la “Municipale” di Lecce può tracciare un bilancio sull’attività di controllo finalizzata al rispetto della normativa per il contenimento del contagio da nuovo Coronavirus. In poco più di un mese, la “missione” ha portato gli agenti leccesi a controllare 5.137 persone, comminando 175 sanzioni, grazie al dispiegamento di forze lungo i viali, nelle piazze e agli innesti delle principali arterie di collegamento con la provincia.

2.744 sono state invece le attività commerciali e produttive monitorate per la verifica dell’applicazione delle limitazioni relativa alla sospensione delle attività o alla garanzia del rispetto del distanziamento sociale imposto in caso di apertura al pubblico. Il presidio, della città e del litorale, è stato garantito con l’impiego quotidiano di 26 pattuglie, oltre a 3 ufficiali di coordinamento, su un arco temporale di 24 ore.

Con l’attivazione del Centro Operativo Comunale si è messa in moto anche la macchina dell’assistenza alla popolazione affidata alla Protezione Civile, e rivolta soprattutto a persone anziane prive di rete familiare e a persone in quarantena fiduciaria o obbligatoria. Oggi, al numero dedicato 0832.230049 i volontari delle associazioni del coordinamento comunale, che presidiano la sede di via Giurgola 24 ore su 24, hanno risposto a 1635 chiamate: 753 sono state le richieste di informazione, in 807 casi hanno provveduto alla consegna domiciliare di farmaci e in 342 di generi alimentari e di prima necessità.

Al COC si sono rivolti in 227: 90 per richiedere il ritiro di farmaci, di cui 49 pazienti della cittadella della salute del Vecchio Fazzi, 35 per il rifornimento di generi alimentari e 102 per chiedere informazioni.
Sempre attivo il numero 360.1055312, dedicato alla comunità leccese di sordi e audiolesi. Infine, le associazioni della Rete delle Povertà, che gestiscono l’iniziativa di beneficenza“Lecce Solidale”, hanno consegnato 50 pacchi di generi di prima necessità.



In questo articolo: