“Un grande innovatore e uno scienziato dalle capacità manageriali”, il Rettore Pollice augura buon lavoro a Roberto Cingolani

Il numero uno dell’Università del Salento esprime la propria soddisfazione per la nomina del fondatore del Laboratorio di Nanotecnologie di Lecce a Ministro per la Transizione Ecologica.

«Desidero manifestare, anche a nome dell’intera comunità accademica, il vivo compiacimento per la nomina del professor Roberto Cingolani alla guida del nuovo importante Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (Transizione ecologica). La creazione di tale dicastero appare effettivamente cruciale per il futuro del Paese, che è chiamato a rivedere il proprio modello di sviluppo realizzando un’innovazione epocale che la porti a essere un esempio di sostenibilità in Europa e nel mondo», con queste parole Fabio Pollice, Magnifico Rettore dell’Università del Salento fa gli auguri di buon lavoro al neo ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, vecchia conoscenza dell’Ateneo salentino per essere stato, qui, dal 2000 al 2005 professore ordinario di fisica sperimentale presso la Facoltà d’Ingegneria, dove ha fondato e diretto il Laboratorio Nazionale di Nanotecnologie di Lecce.

«Il nostro apprezzamento – prosegue Pollice – non nasce soltanto da una scelta che risulta profondamente coerente con l’obiettivo di attuare una “innovazione epocale”, giacché Roberto Cingolani è prima di ogni altra cosa un grande innovatore, ma anche dalla profonda conoscenza che abbiamo dello scienziato e delle sue notevoli qualità manageriali, potendo vantare di averlo avuto a lungo nella nostra comunità accademica. Questi, infatti, dopo un ricco percorso di specializzazione scientifica nazionale e internazionale, dal 2000 ha ottenuto la cattedra di Fisica sperimentale nel nostro Ateneo, allora Università degli Studi di Lecce, dove dopo appena un anno ha fondato e diretto il National Nanotechnology Laboratory (NNL) dell’INFM, determinando una delle principali specializzazioni della nostra Università. Nel 2005, poi, ha fondato l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova – con una sede anche a Lecce – di cui è stato Direttore scientifico fino al passaggio nel 2019 al gruppo “Leonardo” (ex Finmeccanica) per guidarne la tecnologia e innovazione. È su queste basi che abbiamo creato quest’anno il Salento Biomedical District e ci accingiamo a sviluppare con il corso MedTec un polo di ricerca sul “benessere sostenibile”.

Nel “Manifesto per una tecnopolitica italiana” Roberto Cingolani scrive che “Solo la prevenzione può salvarci. Solo soluzioni globali, preventive e lungimiranti possono risolvere i tre debiti del genere umano: socioeconomico, ambientale e cognitivo”. Se l’Italia cerca un innovatore coraggioso e determinato, crediamo davvero che l’abbia trovato.

L’Ateneo in cui ha dato prova di questa sua forza innovativa e visionaria ne saluta la nomina con piena soddisfazione ed è pronto a raccogliere la sfida della sostenibilità, avendo posto questo obiettivo alla base della propria strategia e di quella di tutta la Terra d’Otranto, un territorio che siamo certi saprà interpretare al meglio questa svolta epocale, facendosene protagonista.

Auguriamo pertanto al Ministro e al suo nuovo Ministero un buon lavoro, assolutamente necessario e certamente proficuo».



In questo articolo: