Tutti pazzi per il Black Friday, ma c’è chi dice no…

Gli amanti dello shopping, soprattutto online, attendono con ansia il Black Friday. Gli sconti che, ufficialmente, dovrebbero durare solo un giorno si protrarrano fino a domenica.

Da pochi anni a questa parte si è diffusa a macchia d’olio, anche nel nostro Paese, un’altra delle tradizioni americane che tendono a influenzare sempre di più la nostra quotidianità, ovvero il Black Friday.

Viene definito il giorno dello shopping per eccellenza poiché vi è la possibilità di acquistare prodotti, principalmente online, a un prezzo molto più conveniente del solito.

Quest’anno si svolgerà il 23 Novembre, alcuni brand però hanno deciso di prolungare l’evento fino al Cyber Monday, un’altra usanza statunitense incentrata completamente sull’acquisto di elettrodomestici e tecnologie di ogni genere.

Questo lasso di tempo, dominato da sconti e promozioni, offre alla popolazione mondiale la possibilità di risparmiare sui tanto costosi regali di Natale tenendo conto però anche degli aspetti negativi che il famoso ‘Venerdì Nero’ presenta.

Questa corsa sfrenata all’acquisto, per quanto affermato da ADUC, comporta infatti l’intasamento dei principali siti di e-commerce, come ad esempio Amazon, Ebay e Zalando, che causano di sovente la ripetizione di operazioni con il rischio di comprare lo stesso articolo più volte, ciò dovuto al fatto che le carte di credito talvolta vadano in tilt.

Quando però la transazione non viene eseguita a causa della limitata disponibilità del prodotto, quella sensazione di dover entrare in possesso dell’oggetto obbligatoriamente, porta il consumatore a provvedere all’acquisto di quello stesso prodotto in un periodo dell’anno in cui non vi è apportata alcuna riduzione o di un articolo simile, ma con caratteristiche che non rispecchiano completamente i desideri dell’acquirente. Mai dimenticare, poi, le eventuali mancate consegne da parte dei corrieri che, nel recapitare l’innumerevole quantità di pacchi rapidamente, li smarriscono.

di Gaia Cennamo e Alessandra Degli Atti



In questo articolo: