La caserma dei vigili del fuoco degradata. E i sindacati convocano con urgenza Salvemini

I sindacati dei vigili del fuoco chiedono un incontro urgente al sindaco Carlo Salvemini. Urge una nuova sistemazione per il corpo, per garantire l’efficienza del sistema di soccorso pubblico.

La caserma del comando dei vigili del fuoco di Lecce è in forte stato di degrado. E questo potrebbe minare la corretta espletazione del servizio del corpo antincendio. Così i sindacati Conapo, Cgil e Confasal dei vigili del fuoco nel convocare urgentemente il sindaco di Lecce, Carlo Salvemini, per risolvere a stretto giro le problematiche strutturali che riguardano la sede centrale dei vigili del fuoco di Lecce.

La centrale è stata infatti ritenuta inagibile a causa delle condizioni di degrado, così da rendere necessario il ricorso a una nuova struttura. Lo stato della caserma è noto da tempo, tanto che dal marzo scorso si sono intensificate le comunicazioni tra il Comando centrale e il comune di Lecce al fine di trovare una quadra che possa consentire al corpo la corretta espletazione di un servizio pubblico che – come l’estate ha palesato – si rende tanto più necessario in un territorio avvezzo agli incendi.

Ma contatti tra il comando e il comune, a tutt’oggi, non hanno portato alla individuazione di una soluzione opportuna, nonostante siano stati individuati dei lotti del territorio comunale considerati adeguati a ospitare una nuova struttura operativa che necessita di specifiche caratteristiche compatibili con le attività di soccorso. E dunque una collocazione che risponda all’esigenza di un soccorso immediato, e che consenta una buona viabilità per raggiungere in breve le emergenze del circondario.

La fase di stallo prolungatasi sino ad oggi ha messo in allerta i rappresentanti del personale di Lecce, che attendono uno sblocco per ripristinare la piena efficienza del servizio. La richiesta al sindaco di Lecce è dunque quella di accelerare le procedure e di convocare un tavolo per uscire dall’impasse e garantire una nuova centrale al comando.



In questo articolo: