Festa dell’Immacolata, auguri con le poesie in dialetto del poeta leccese Franco Lupo

Per la festa dell’Immacolata Leccenews24 ha scelto di porgere gli auguri ai suoi lettori con un pezzo importante della letteratura dialettale leccese. Una poesia di don Franco Lupo, tratta dalla sua opera magna ‘Cose te Ddiu’

Nella cultura popolare salentina spicca il contributo di Franco Lupo, sacerdote e poeta leccese di altissimo valore.

Don Franco, che ancora oggi riempie di ardore tutto salentino il suo ministero di prete, ha realizzato molti anni fa un’opera straordinaria e magnifica. Una rilettura in vernacolo dei principali avvenimenti contenuti nella Bibbia.

Accostarsi alla lettura dei versi in rima di mons. Lupo significa avvicinarsi al sentimento religioso in modo aderente alla tradizione cattolica e al tempo stesso aderente a quella esigenza di rinnovamento che richiede lo spirito dell’uomo, anche non credente.

“Cose te Ddiu” è il titolo di questa operazione culturale originalissima che ha folgorato tanti uomini di cultura del territorio.

Il brano che proponiamo in occasione della solenne festività dell’Immacolata si intitola Nazareth e parla del rapporto madre–figlio tra la Madonna e Gesù. Una commovente e suggestiva immagine della vita quotidiana della famiglia di Nazareth che prelude al dolore della Croce e alla speranza della Salvezza.

Grazie da Leccenews24 a don Franco per la sua affettuosa generosità.

NAZARETH di Franco Lupo

Catìa lu sule subbra la muntagna
E lla Matonna sta sscanaa lu pane,
Cristu turnaa, sulagnu, de campagna,
purtaa n’agnellu sulle spadde sane.

Cristu, la Mamma, se mbrazzau, dda sira,
nna lacrema su ll’ecchiu ni llucia,
“Me nd’aggiu scire – disse – addù me tira
L’omu ca spetta la palora mia.

Me spettanu li bbueni e lli putenti…
me spettanu spundati e spenturati…
Jeu sentu chianti, astime e tratimienti
ca su lli frati mei s’anu menati.

Te lassu, Mamma, cu lla pace toa…
Te lassu jeu cu l’angelu de Ddiu,
lu Sire miu te dae la luce soa,
Tie sienti an core lu sospiru miu…

Iasciu la cruce su lla strata mia…
Sta ssentu tanta ggente ca me ccite…
Lu sule, ca se scunde a mmenzatia,
an celu fuce e, mmuertu, nu mme ite”.

La Matonna sentia palore mare,
mbrazzau lu figghiu e sse lu strinse an core,
e ppoi ni asau le manu tantu care…
ddre manu fatte sulu pe ll’Amore.

E ncarezzau la frunte a Gesù Cristu
e ddisse “Figghiu miu. Jeu stau cu ttie,
pe ll’omu peccatore e ll’omu tristu
sparti la cruce toa… sparti cu mmie.

Tie su lla cruce cu le manu stise
a pperdunare tutte le peccate…
L’angelu disse, quando an terra scise
ca Tie a ssarvare l’anime squagghiate.

Lu core miu te secuta a lla cruce,
damme le spine de la frunte toa…
sta bbisciu, quando mueri, tanta luce…
lu paraisu cu lla croria soa!…”.

Dda sira, quando Cristu ddumersciu,
nnu sennu fice: a … llu Carvariu sciu…