Lecce, i consiglieri di FdI chiedono il restauro dell’opera dedicata a Dante a Palazzo Carafa

Arriva in occasione della Festa del Papà la mozione protocollata dal gruppo consigliare in onore del padre della lingua italiana.

Sono tantissimi i padri spirituali e culturali che l’Italia ha da festeggiare e proprio a uno di loro è dedicata la mozione protocollata da Roberto Giordano Anguilla e da Andrea Guido del gruppo consiliare Fratelli d’Italia di Lecce.

Ricorrerà, infatti, il prossimo 25 marzo il “DanteDì”, la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri, considerato il padre della lingua italiana. “Per questo motivo – spiegano – abbiamo protocollato una mozione per richiedere il restauro dell’opera bronzea, a Lui dedicata e realizzata da Antonio Bortone nel 1921, oggi esposta sul lato di Palazzo Carafa che insiste in via Augusto Imperatore”.

Ma non finisce qui. Oltre al restauro, infatti, arriva anche una richiesta speciale per lasciare un ricordo indelebile per il prossimo 25 marzo: riprodurre alle 12:00 in punto la lettura di uno dei sonetti più famosi di Dante Alighieri, “Tanto gentile e tanto onesta pare”, nella versione interpretata da Carmelo Bene.

“Un modo, un omaggio, intimamente salentino per ricordare, attraverso uno dei più grandi artisti della nostra terra, il più grande di tutti i tempi. In conclusione, cogliamo l’occasione per augurare buona festa a tutti i papà, quelli che ci sono accanto e quelli che ci guardano da lassù”.