Torna “Dialoghi d’autore” con lo scrittore Fabio Genovesi

Appuntamento mercoledì 6 aprile al Salvemini di Alessano con un incontro, finalmente in presenza, per incoraggiare la lettura e la scoperta della letteratura contemporanea

Con “Il calamaro gigante”, lo scrittore fa riflettere sulla vita, sul sogno e sulla natura.
Appuntamento il 6 aprile con uno spazio di cultura, dopo gli incontri online che hanno segnato questo lungo periodo, finalmente un incontro in presenza all’IISS “G. Salvemini” di Alessano (LE) per “Dialoghi d’autore”, progetto curato dalla professoressa Valeria Bisanti, nato con lo scopo di sensibilizzare gli studenti alla lettura di opere di autori contemporanei e di quelli dell’ultima generazione.
Protagonista Fabio Genovesi, autore del libro «Il calamaro gigante» (Feltrinellii, 2021), che dialogherà con gli alunni a partire dalle ore 15.30. Nel nuovo romanzo lo scrittore ci avverte che del mare non sappiamo nulla, però ci illudiamo del contrario: passiamo una giornata in spiaggia e pensiamo di guardare il mare, invece vediamo solo «la sua buccia, la sua pelle salata e luccicante». Forse perché appena sotto, e poi giù fino agli abissi, c’è una vita così diversa e strabiliante da sembrarci assurda, impossibile. Come per secoli è sembrata impossibile l’esistenza del calamaro gigante, il mostro marino che ha mosso alla sua ricerca gli esploratori più diversi. Come il sacerdote Francesco Negri, che nel 1663 a quarant’anni parte da Ravenna, diventando il primo viaggiatore a raggiungere Capo Nord. O come il capitano Bouyer dell’Alecton (a cui si ispirerà Jules Verne per scrivere Ventimila leghe sotto i mari), che mentre naviga verso la Guyana nota all’orizzonte qualcosa di inaudito: è la prima testimonianza del calamaro gigante, dei suoi occhi enormi e intelligenti, dei tentacoli avvinghiati alla nave. Ma nessuno gli crederà. Fabio Genovesi racconta la vera storia del calamaro gigante e di chi lo ha cercato a dispetto di tutto, intrecciandola con mille altre storie come quella di sua nonna Giuseppina che a cena parlava con il marito morto da anni. Ricordandoci che viviamo su un pianeta dove esistono ancora i dinosauri, come il celacanto, o animali come gli scorpioni che sono identici e perfetti da quattrocento milioni di anni, invitandoci così a credere nell’incredibile, e a inseguire i nostri sogni fino a territori inesplorati. Ne emerge un pianeta che sembra una grande follia, ma se smettiamo di sfruttarlo e avvelenarlo, se smettiamo di considerarci un gradino sopra e capiamo di essere mescolati al tutto della Natura, ecco che diventiamo anche noi parte di questo prodigio.Ne Il calamaro gigante, lo stupore diventa quindi una stella polare capace di rischiarare anche i momenti di più buio disincanto.
“Siamo veramente felici – osserva la Dirigente prof.ssa Chiara Vantaggiato – di avere di nuovo ospite Fabio Genovesi nella nostra scuola, perché il nuovo romanzo è un inno allo stupore e alla meraviglia e soprattutto insegna ai ragazzi a non rimanere paralizzati dentro vite dal ritmo sempre uguale”.