‘Chiamala fortuna, se anche stasera riusciremo a vedere la luna’, la filastrocca di Miriam Perrone

Quando il maltempo ci sorprende sulla strada, solo noi sappiamo dove trovare la forza per continuare ad andare avanti. La filastrocca di Miriam Perrone

Quando il maltempo ci sorprende sulla strada, solo noi sappiamo dove trovare la forza per continuare ad andare avanti. E’ una riflessione profonda quella che oggi ci regala Miriam Perrone nella sua consueta filastrocca domenicale in dialetto nord-salentino. Il maltempo non è solo quello metereologico e la strada non è solo quella sterrata o asfaltata che ci porta a casa. Tante le insidie che ci trovano impreparati lungo il cammino. L’importante sarà rivedere la luna. E se vuoi, chiamala fortuna.

Lu malitiempu sta rria
nui circamu cu ni mantinimu
ritti su sta via.
La gente s’è chiusa a casa
e ogni porta lu ientu la sta ‘mmasa.
Lu cielu stae mmucciatu
e lu mare pare ca l’e’ rriatu.
Putimu ritare quantu ulimu
ma sapimu ca la forza llamu
truare a do sapimu.
Chiamala furtuna,
ci puru stasira
riuscimu cu bbitimu la Luna…

Traduzione
Sta arrivando il maltempo
e noi cerchiamo di mantenerci
dritti, in piedi, lungo la strada.
La gente rimane a casa
e il vento fa sì che ogni porta sia chiusa.
Il cielo è coperto
e il mare sembra averlo raggiunto.
Possiamo urlare quanto vogliamo
ma sappiamo che la forza la dobbiamo trovare
dove sappiamo.
Tu chiamala fortuna,
se anche stasera riusciamo a vedere la luna.

(ph. di copertina: Claudio De Marco)



In questo articolo: