Peppino, undici anni dopo. Tutte le iniziative del Comitato Pro Basile per ricordare il ‘figlio del popolo’ nelle sue Ugento e Gemini

Il 15 giugno 2008 moriva a Ugento Peppino Basile, consigliere comunale e provinciale noto per il suo impegno politico. Undici anni dopo il Comitato Pro Basile lo ricorda con una serie di eventi.

Aveva poco più di 60anni Peppino Basile quando fu accoltellato con inaudita ferocia nella sua Ugento.

Era la notte tra il 14 e il 15 giugno del 2008, quando “il Figlio del Popolo”, come lui amava farsi chiamare, fu ucciso con più di venti coltellate a pochi passi dall’ingresso della sua villa alla periferia della città.

In tanti giurano di averlo sentito dire spesso «prima o poi qualcuno mi ammazza», ma tutte le strade imboccate per spiegare la sua morte si sono rivelate un vicolo cieco.

Senza uscita la pista passionale e quella economica. È caduta anche quella della “lite di vicinato” scoppiata per futili motivi con l’assoluzione di Vittorio Colitti Junior e di suo nonno perché il ‘fatto non sussiste’.

Undici anni dopo, l’omicidio di Peppino Basile, il Masaniello del Salento, attivista politico sin dalla giovanissima età, esponente dell’Italia dei valori, consigliere comunale nella sua Ugento, consigliere provinciale membro della commissione per l’Ambiente, resta ancora senza un colpevole. E senza un perché.

Anche quest’anno gli amici del Comitato “Pro Basile” hanno deciso di ricordare Peppino Basile, organizzando una serie di iniziative per ricordare l’Amico, l’Uomo ed il Politico che coinvolgeranno soprattutto i giovani, che nella vita di Peppino Basile – come ricorda Giovanni D’Agata dello Sportello dei Diritti – hanno rappresentato uno dei più grandi interessi della sua attività di combattivo e passionario rappresentante delle istituzioni.

Si è cominciato venerdì 14 giugno con il “3° Memorial “Peppino Basile – Per non dimenticare” , un torneo di “Calcio a 8” presso il Centro Sportivo Parrocchiale S. Francesco a Gemini di Ugento per poi proseguire con un torneo di Pallacanestro ed un Torneo di Pallavolo Misto entrambi presso la Palestra Comunale di Gemini rispettivamente sabato 15 e domenica 16 giugno.

Nella giornata di oggi, 15 giugno 2019, alle ore 17.00, infine, la cittadinanza tutta è invitata a partecipare ad un momento di preghiera presso la tomba del consigliere nel Cimitero di Ugento dove verrà depositata una corona di fiori.

‘Anche se ogni giorno quando percorriamo le vie di un territorio che lui amava più della sua stessa esistenza, quando vediamo correre dietro un pallone i nostri ragazzi il cui futuro lui voleva rendere migliore, non c’è momento che non ricordiamo la sua vigile e istrionica presenza tra di noi, queste iniziative servono a rammentare a tutti, anche a coloro che non sanno o che hanno dimenticato, chi era e cosa faceva Peppino per la sua amata Ugento e Gemini. Il ricordo dell’Amore e della Passione del “Figlio del Popolo” per questo territorio e per i suoi concittadini, ma anche la sua tragica fine, dovranno sempre essere da esempio soprattutto per le generazioni future. Perché il suo Sacrificio non resti invano. Per la Legalità, la Tutela del Territorio e delle Istituzioni. Noi non dimentichiamo”.

Toccanti le parole con cui chi gli ha voluto bene lo ricorda, a dimostrazione che vivere nei cuori di chi ti ha amato non è mai morire.



In questo articolo: