Giornata nera come il cielo: il maltempo non risparmia il Salento. Scuole chiuse a Lecce e non solo

Martedì 12 novembre sarà una giornata ‘nera’ da punto di vista meteorologico. Sono attesi, infatti, temporali e nubifragi che colpiranno anche il Salento.

Il meteo pare abbia risparmiato San Martino, un appuntamento ‘sacro’ per il Salento, ma le previsioni per le prossime ore non promettono nulla di buono. Secondo gli esperti, infatti, è atteso un peggioramento delle condizioni meteorologiche che renderà concreto il rischio nubifragi. Attenzione, dunque, ai temporali che non risparmieranno la Puglia, Salento compreso.

La giornata peggiore sarà quella di martedì 12 novembre, quando toccherà alle regioni meridionali fare i conti con il minaccioso ‘ciclone’ reso ancor più “violento” dai venti di scirocco, da una parte che comincerà a soffiare sullo Stivale e dalle correnti di origine polare, dall’altra. Occhi puntati sulle precipitazioni, quindi, come dimostrano le mappe dei siti specializzati dominate dal colore viola, quello che descrive piogge forti e nubifragi.

Non andrà meglio mercoledì 13 e giovedì 14 novembre, anche se le precipitazioni saranno più deboli e localizzate per lo più al Centro-Sud e sulle Isole Maggiori. Insomma, il maltempo non farà distinzioni e sarà ‘brutto’ ovunque.

Scuole chiuse

L’allerta arancione idrogeologica per temporali e forte vento diramata con l’ultimo bollettino dalla Protezione civile ha già una prima conseguenza: a Lecce la campanella, domani mattina, non suonerà. Lo ha deciso il sindaco Carlo Salvemini che ha disposto la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado e dei parchi pubblici del capoluogo.

Ma gli istituti scolastici non apriranno i loro cancelli neanche a Tricase e Alessano, sempre per l’allerta meteo. Stessa scelta è stata adottata dal Comune di Trepuzzi.

Quanto durerà il maltempo?

Dopo un caldo ottobre, l’autunno ha deciso di fare sul serio e bisognerà aspettare almeno venerdì per una tregua che, stando alle tendenze, non dovrebbe durare a lungo. Se il Sud potrà riporre almeno per qualche ora l’ombrello, le regioni settentrionali, invece, dovranno fare i conti con “un secondo ciclone atlantico” che “porterà su alcune aree del Paese il rischio di alluvioni”.

Anche le temperature subiranno un lieve calo. Dato che l’asticella della colonnina di mercurio scenderà di qualche grado, gli esperti sono concordi nel dire che si tratta di un primo vero assaggio dell’inverno.