Pietra leccese: a Roma negli spazi di Contemporary Cluster, in esposizione apospersano per Pimar

Negli spazi di Contemporary Cluster, nel cuore di Roma, in esposizione i complementi per la casa in pietra leccese disegnati da apospersano per Pimar

Alessandra Apos e Andrea Persano, architetto e designer laureati alla Sapienza di Roma, costituiscono il duo apospersano. Da gennaio 2020 sono alla direzione artistica e creativa di Pimar, azienda leader nella lavorazione della pietra leccese.

Dal 29 ottobre scorso, negli spazi di Contemporary Cluster, definito da Artribune ‘miglior spazio ibrido 2019 in Italia’, è possibile ammirare, una serie di complementi per la casa, tavolini, specchi, vassoi, vasi e fermalibri realizzati in pietra leccese e disegnate da apospersano per Pimar.

Come in un viaggio verso una contemporaneità totale, da Contemporary Cluster, nel cuore di Roma, si fondono arte, architettura, design, musica, moda e jewelry design.

In questi spazi hanno trovato posto i tenui cromatismi e le superfici levigate e setose della pietra leccese sapientemente lavorata.

Abitare mediterraneo, stile contemporaneo

Lo stile contemporaneo si legge nella pietra che tuttavia rimanda ad una narrazione senza tempo fatta di storia e di tradizione, di territorio e identità, di memoria e di futuro.

Queste nuove collezioni disegnate da apospersano per Pimar sono un vero e proprio elogio alla pietra leccese, materia senza tempo. Tenui cromatismi ritmano la pietra e offrono attraverso la valenza emozionale delle superfici levigate e setose.

Ne fanno parte una serie di complementi per la casa, tavolini, specchi, vassoi, vasi e fermalibri.

Nella linea Geo, tavolini e specchio sono generati da forme geometriche sezionate. I tavolini scultorei sono ritmati dai cromatismi differenti della pietra leccese. Lo specchio Orizzonte combina la pietra all’ottone brunito. Natura è una linea di vassoi svuotatasche, prodotti materici, dalle funzioni differenti, adatti sia per l’ambiente domestico che per l’ufficio.

La linea Novecento è costituita dal vaso Girasole, come rimando all’architettura di Luigi Moretti e alla sua palazzina romana e dai fermalibri Metafisica, attraverso il chiaro rifermento alle prospettive accentuate delle arcate nelle pitture di Giorgio de Chirico, come omaggio ai maestri dell’architettura e dell’arte moderna.

Nella linea Geo, tavolini e specchio sono generati da forme geometriche sezionate. I tavolini scultorei sono ritmati dai cromatismi differenti della pietra leccese. Lo specchio Orizzonte combina la pietra all’ottone brunito. Natura è una linea di vassoi svuotatasche, prodotti materici, dalle funzioni differenti, adatti sia per l’ambiente domestico che per l’ufficio. L’accostamento a morbidi tessuti, come variante, richiama i colori del territorio.

apospersano

La collaborazione tra Alessandra Apos e Andrea Persano, i designer apospersano, nasce durante il percorso universitario e si sviluppa nel tempo attraverso esperienze multidisciplinari e creative.

Salentini di nascita e di formazione romana, nei loro lavori esprimono una sensibilità alla storia, alla luce, ai materiali e alle lavorazioni artigianali.

Un approccio sobrio e minimalista è alla base di ogni loro pezzo mentre i rimandi all’arte e all’architettura del novecento e l’esplorazione di forme geometriche, ne diventano i riferimenti.



In questo articolo: