Aggressione nel cuore di Lecce, per difendere la ragazza finisce in Ospedale

In 4 contro uno, un ragazzo per difendere la fidanzata dagli apprezzamenti non richiesti è finito in ospedale, con il volto tumefatto e un trauma cranico.

La Piazza di Lecce

È stata una notte movimentata nel cuore del centro storico di Lecce. Non per la movida che l’aria di primavera ha animato, ma per un’aggressione violenta terminata con una corsa in Ospedale per uno dei protagonisti. A fare da sfondo alla lite è Piazza Sant’Oronzo. Per capire come si sia arrivati alla rissa e quale è stata la scintilla che ha fatto scattare il tafferuglio tocca fare un passo indietro.

Un 23enne si trovava in compagnia della fidanzata per una passeggiata nel salotto della città, quando ha ‘ascoltato’ un apprezzamento non gradito rivolto a lei. Senza pensarci due volte, ha preso le difese della sua compagna, forse nemmeno immaginando cosa sarebbe nato dal rimprovero per quei “complimenti” non richiesti. Già perché all’improvviso dalle parole si è passati ai fatti, anzi alle mani. E, cosa peggiore, non è stato un faccia a faccia tra chi aveva pronunciato quelle parole e chi le aveva mal digerite, ma il 23enne si è ritrovato da solo contro 4 ‘amici’ che, compatti, lo hanno aggredito.

L’orologio aveva da poco segnato le 3.00 quando è scattato l’allarme. Il giovane che le ha prese per difendere la ragazza dagli apprezzamenti è stato accompagnato da un’ambulanza del 118 al Pronto Soccorso dell’Ospedale Vito Fazzi di Lecce, dove è arrivato in codice rosso. È messo male, ma poteva andare peggio. Ha il volto tumefatto per le botte ricevute, alcune lesioni e un trauma cranico.

Sul posto sono intervenute anche le Forze dell’Ordine che ora sono alla ricerca dei responsabili. La speranza è che i loro volti siano stati immortalati dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti nelle vicinanze.