Minaccia i familiari e quando arrivano i Carabinieri li aggredisce: arrestato 24enne

Per un 24enne di Tricase si sono aperte le porte del Carcere. Dovrà difendersi dalle accuse di maltrattamenti in famiglia e resistenza a Pubblico ufficiale.

Non era la prima volta che maltrattava e minacciava i suoi familiari, ma l’ultima discussione scoppiata tra le mura di casa è costata cara ad un 24enne di Tricase, finito in manette con l’accusa di «resistenza a Pubblico Ufficiale». Già, perché quando gli uomini in divisa hanno bussato alla porta della sua abitazione per tentare di riportarlo alla calma, il ragazzo li ha aggrediti probabilmente perché non ha gradito la loro “intromissione”. Qualcuno però aveva chiesto aiuto…

I fatti

Tutto è nato, infatti, quando una pattuglia della stazione di Tricase si è precipitata in casa di una famiglia del posto, dove era stata segnalata una violenta lite. Il 24enne, in forte stato di alterazione, aveva minacciato i suoi familiari durante l’ennesima discussione. I militari hanno invitato il 24enne a calmarsi, ma ogni tentativo è stato vano. Il ragazzo, senza pensarci due volte, ha aggredito i carabinieri prima a testate, poi con calci e pugni. A quel punto, gli uomini in divisa hanno dovuto immobilizzarlo e ammanettarlo.

Quando lo hanno accompagnato in caserma, i suoi parenti più stretti hanno sporto denuncia per “maltrattamenti contro familiari e conviventi”. Così, per il 24enne si sono aperte le porte del Carcere di Lecce una volta concluse le formalità di rito.



In questo articolo: