“In quella casa si spaccia”, i sospetti dei poliziotti sono veri: 55enne finisce ai domiciliari

Un 55enne di Presicce-Acquarica è finito ai domiciliari con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. In casa trovata cocaina purissima

Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. È questa l’accusa che gli agenti del Commissariato di Taurisano hanno contestato a Lucio Mancino, 55enne di Presicce-Acquarica, finito nel mirino degli uomini in divisa che, da tempo, avevano iniziato a sospettare qualcosa. L’intuizione è stata giusta e alla fine l’uomo è finito ai domiciliari.

Ma andiamo con ordine. I poliziotti della volante avevano appreso che in casa del 55enne c’era un giro di spaccio. Così hanno deciso di “controllarla”. Durante un servizio di osservazione, hanno notato un giovane al volante di una Renault Clio che, dopo aver parcheggiato la macchina a pochi passi dall’ingresso, è sceso, ha suonato al campanello e dopo aver confabulato con Mancino è entrato in casa, fermandosi sulla porta d’ingresso lasciata socchiusa. Pochi minuti dopo, il giovane è uscito dall’abitazione seguito dal 55enne e si è allontanato. A quel punto, i poliziotti lo hanno seguito e bloccato.

Alla vista degli agenti che gli hanno spiegato il perché fosse stato fermato, il giovane ha consegnato spontaneamente un involucro in cellophane di colore verde, termosaldato all’estremità. Conteneva una sostanza polverosa di colore bianco a scaglie. Sono state le analisi di laboratorio a confermare che si trattava di cocaina per un peso lordo di 0.6 grammi.

A quel punto a far visita al 55enne sono stati gli agenti. Nel corso della perquisizione domiciliare sono spuntati fuori 23 involucri in cellophane termosaldati all’estremità, dello stesso colore di quello consegnato dal giovane. Tutti contenenti cocaina. Erano riposti in un mobile all’ingresso e all’interno di un cassetto di un mobiletto in cucina

Non solo. È stato trovato anche un sacchetto in cellophane trasparente annodato contenente pezzi in cristallo di colore bianco che, dalle successive analisi di laboratorio, risultava essere cocaina purissima, per un peso complessivo di 65,08 grammi.

Alla luce dei fatti sopra descritti, il 55enne è stato dichiarato in stato d’arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e, come disposto dal P.M. di turno, sottoposto ai domiciliari.