Scende dalla bicicletta e si accascia al suolo, 82enne salvato da un Carabiniere-eroe con un massaggio cardiaco

Un 82enne di Vernole è salvo grazie alla tenacia di un carabiniere che gli ha effettuato un massaggio cardiaco fino all’arrivo dell’ambulanza.

Quando si dice «trovarsi nel posto giusto al momento giusto». Il fatto che un Carabiniere libero dal servizio si sia trovato per caso sulla stessa strada percorsa da un anziano in difficoltà ha permesso di scrivere un finale diverso ad una storia che sembrava destinata a finire in tragedia. Un malore, un massaggio cardiaco, minuti che devono essere sembrati interminabili e, alla fine, la buona notizia: un cuore che è tornato a battere. È accaduto a Vernole, in una tarda mattina di gennaio.

Un carabiniere del Norm della Compagnia di Campi salentina stava percorrendo al volante della sua auto via della Repubblica, quando a pochi passi dalla scuola dell’infanzia si è imbattuto in un anziano ciclista. Nulla di strano se non fosse che l’uomo, ad un certo punto, è sceso dalla bici e si è accasciato a terra. Era libero dal servizio, ma chi indossa la divisa lo fa sempre, anche lontano dai turni. Così, senza perdere tempo, il militare ha messo in sicurezza la macchina e ha raggiunto il malcapitato. Aveva perso conoscenza, sembrava non dare più segni di vita, ma il Carabiniere non si è scoraggiato e ha tentato di rianimarlo. Un massaggio cardiaco durato minuti, dieci più o meno, fino all’arrivo dell’ambulanza chiamata da un altro militare presente sul posto.

Grazie alle manovre, il cuore dell’anziano ha ripreso a pulsare. Ha anche ripreso conoscenza, tra lo stupore e gli applausi delle numerose persone presenti. L’82enne è stato affidato ai sanitari del 118 che lo hanno stabilizzato e accompagnato all’Ospedale Vito Fazzi di Lecce, dove è stato ricoverato e sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Giusto il tempo di complimentarsi con il militare, aggiungendo che il suo intervento aveva evitato conseguenze tragiche.