Coronavirus, muore il decimo anziano ospite della casa di riposo di Soleto

Con la scomparsa di un professore di Soleto, sale a dieci il bilancio delle vittime. Tutti ospiti della casa di cura “La Fontanella”, dove sono ancora ricoverati 33 anziani (30 positivi)

Si è spento nel reparto di Malattie infettive del “Santa Caterina Novella” di Galatina un anziano ospite della casa di cura di Soleto positivo al Coronavirus. Era stato accompagnato in Ospedale nei giorni scorsi, quando le sue condizioni di salute si erano aggravate tanto da rendere necessario il trasferimento nella Palazzina De Maria dove, al momento, sono ricoverate più di venti persone.

Il professore di francese, molto conosciuto nella sua Soleto, è la decima vittima della residenza socio assistenziale La Fontanella, dove è scoppiato un vero e proprio focolaio ora sotto la lente di ingrandimento della Procura e del Ministero della Salute che invierà degli ispettori nella struttura che, fino al 20 marzo, ospitava 93 anziani. Oggi sono 33 (30 positivi al Covid19).  Gli altri ospiti nel tempo sono stati trasferiti presso strutture di ricovero dell’Azienda o presso Case di Cura accreditate.

Gli ispettori ministeriali avranno il compito di verificare come sia stata gestita la situazione degenerata da quando un’anziana è risultata positiva ed è spirata nel Vito Fazzi di Lecce dove era stata trasferita.

Sono tanti gli aspetti da chiarire, le domande a cui rispondere. Come denunciato da alcune famiglie, che non si danno pace per aver perso le persone care, molti anziani sono stati letteralmente abbandonati, lasciati senza acqua né cibo e senza le cure adeguate.



In questo articolo: