Coronavirus, 43 decessi e 1.044 casi in Puglia. Il bollettino

Sono più di mille i casi positivi scoperti in Puglia (1.044) su 10.793 test. 83 in provincia di Lecce che registra anche otto decessi su 46 totali

Sono ancora i ricoveri a “preoccupare” la Puglia che, come anticipato dal Governatore Michele Emiliano, lunedì potrebbe svegliarsi in zona gialla anche se il numero dei casi è ancora alto o quanto meno stabile. Più dei contagi, sono i pazienti che hanno bisogno di cure in Ospedale a imporre la necessità di mantenere la guardia alta.

Nel bollettino epidemiologico di ieri, ad esempio, la conta dei positivi al Coronavirus nelle strutture sanitarie, tra ingressi e uscite, si è fermata a 1.602, di cui 170 in terapia intensiva. Nel report di oggi, scritto sulla base delle informazioni del Direttore del Dipartimento Promozione della Salute Vito Montinaro, sul fronte dei contagi il numero dei casi scoperti nelle ultime 24 ore è di 1.044 casi positivi su 10.793 test per l’infezione da Covid-19. Così divisi: 352 in provincia di Bari, 104 in provincia di Brindisi, 80 nella provincia BAT, 123 in provincia di Foggia, 83 in provincia di Lecce, 297 in provincia di Taranto, 1 residente fuori regione, 4 casi di provincia di residenza non nota.

Sono stati registrati 46 decessi: 12 in provincia di Bari, 14 in provincia BAT, 2 in provincia di Brindisi, 4 in provincia di Foggia, 8 in provincia di Lecce, 6 in provincia di Taranto.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 1.336.292 test. 70.194 sono i pazienti guariti. 51.715 sono i casi attualmente positivi. Rispetto a ieri, quindi, scendono a 1.584 i ricoveri in Ospedale.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 125.209, così suddivisi:

  • 47.618 nella Provincia di Bari;
  • 13.825 nella Provincia di Bat;
  • 9.038 nella Provincia di Brindisi;
  • 26.326 nella Provincia di Foggia;
  • 10.575 nella Provincia di Lecce;
  • 17.123 nella Provincia di Taranto;
  • 586 attribuiti a residenti fuori regione;
  • 118 provincia di residenza non nota.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Il bollettino epidemiologico  è disponibile al link: http://rpu.gl/w47jp



In questo articolo: