Dai giovani verso casa dell’amica, a chi tornava dal mare: fioccano altre sanzioni in città

Nove le sanzioni comminate oggi in città dagli agenti della ‘Municipale’: qualcuno tornava dal mare, un altro si intratteneva nel parco. Nei guai anche una donna per occupazione abusiva.

Nella giornata è proseguito il quotidiano monitoraggio della città e delle marine da parte della Polizia Locale di Lece per il rispetto delle prescrizioni anti COVID-19. In tutto sono state acquisite 160 autocertificazioni e comminate 9 sanzioni per ingiustificato spostamento.

In particolare, a finire nei guai sono stati: un uomo fermato in via Adriatica di ritorno da Spiaggiabella; un altro che si intratteneva in un parco cittadino, due giovani residenti a Novoli diretti a casa di un’amica in zona Stadio; e ancora, una coppia, lui di Carpignano Salentino, lei di Villa Convento, avvistati in città in mattinata e verbalizzati nel primo pomeriggio, una giovane coppia di ritorno da Torre Chianca priva di plausibile giustificazione.

Infine una donna è stata sanzionata in seguito ad un intervento su segnalazione dell’occupazione abusiva di un alloggio comunale, che ne le ha procurato anche il deferimento alla autorità giudiziaria.

I controlli nei negozi

In giornata controllate anche 16 attività commerciali aperte che sono risultate tutte in regola con l’applicazione delle misure di distanziamento sociale e la pubblicità dei prezzi.

Al numero 0832.230049, dedicato all’assistenza della popolazione, che risponde dalla sede del COC di via Giurgola, i volontari della protezione civile hanno ricevuto 185 richieste: 79 per consegna di farmaci, di cui 34 da parte di pazienti del Vecchio Fazzi, 41 di generi alimentari e 65 per richieste di informazioni.
Le associazioni della Rete delle Povertà, che, in collaborazione con la protezione civile, gestiscono l’iniziativa di beneficenza“Lecce Solidale”, hanno consegnato 98 pacchi di generi di prima necessità e 67 buoni spesa.

Sempre attivo il numero 360.1055312, che riceve sms, whatsapp e telegram, dedicato alla comunità leccese di sordi e audiolesi.



In questo articolo: