Diciotto pazienti contagiati e tre decessi, arriva il quarto esposto in Procura sul focolaio all’Oncologico

Nelle scorse ore, l’avvocato Andrea Papa ha presentato una querela per conto del fratello di una 60enne leccese, ricoverata nel reparto di oncologia dove è scoppiato un focolaio.

Ancora un esposto presentato in Procura, dopo i diciotto casi di contagio ed i tre decessi all’interno del reparto di Oncologia dell’Ospedale Vito Fazzi di Lecce, dove è scoppiato un focolaio. Nelle scorse ore, l’avvocato Andrea Papa ha presentato una querela per conto del fratello di una 60enne leccese. La sorella del denunciante venne ricoverata nel reparto di oncologia e dopo 10 giorni risultò affetta da Covid19.

I fatti hanno inizio il 22 febbraio scorso, come riportato nella denuncia. A causa di un malore lamentato dalla donna veniva richiesto l’intervento del 118. I sanitari, intervenuti presso la sua abitazione, provvedevano a prelevarla ed a trasportarla al Pronto Soccorso dell’Ospedale Vito Fazzi di Lecce. Come da protocollo, le veniva praticato il tampone e, risultando negativo, dopo alcune ore di attesa, la donna veniva ricoverata nel reparto di Oncologia dello stesso Presidio Ospedaliero.

Il 2 marzo, però, il fratello veniva convocato presso lo stesso reparto e avvertito che la sorella, la sera prima, aveva avuto la febbre alta e che, questa volta, il tampone era risultato positivo. La paziente è stata poi trasferita in un’altra struttura fuori città e i parenti hanno appreso come la 60enne avesse contratto una grave forma di polmonite.

Tale situazione creatasi, ha spinto il fratello della 60enne a presentare un esposto in Procura affinché, come ritiene il legale Andrea Papa, “la magistratura faccia chiarezza su quanto accaduto in un luogo dove ogni cittadino dovrebbe sentirsi tutelato, protetto e lontano da possibili contagi, diversamente da quello che è accaduto alla sessantenne leccese, che oltre a procurare ansia, dolore e sconforto a lei direttamente, sta provocando un vero e proprio dramma ai suoi congiunti.



In questo articolo: