“Nella rsa di Miggiano la situazione è grave”, ma per il sindaco è tutto sotto controllo

Secondo l’avvocato Flavio Termentini la situazione nella rsa di Miggiano sarebbe molto più complessa di quella descritta. Ma il Sindaco Sperti, sempre in prima linea, rassicura

«Siamo vicini agli anziani ospiti che risultano affetti da Covid (quasi tutti asintomatici) e idealmente stringiamo le loro mani». Con queste parole il Sindaco di Miggiano, Michele Sperti aveva voluto informare i cittadini sul focolaio scoppiato all’interno di una residenza sanitaria assistenziale nella cittadina del basso Salento. Un focolaio – come si legge nel post condiviso sulla pagina Facebook ufficiale del Comune – dalla Asl che ha attivato il protocollo di sicurezza, isolando gli anziani contagiati in una zona separata della struttura, sia dagli operatori socio-sanitari, ringraziati per il loro “grande spirito di sacrificio”. «Tutto sotto controllo e sotto stretta sorveglianza» è scritto in un altro post, del 19 gennaio.

«Nulla di più lontano alla realtà» secondo l’avvocato Flavio Termentini secondo cui le cose non starebbero così tant’è che ha inviato una missiva a Leccenews24 per raccontare quanto accaduto ad un altro ospite della casa per anziani, purtroppo deceduto dopo essere stato trasferito al Dea del Vito Fazzi di Lecce, dove sarebbe giunto in condizioni disperate.

«È risultato positivo al Covid il 19 gennaio – si legge – è stato trasferito in Ospedale lo stesso giorno per poi spirare in assoluta solitudine  nella notte tra il 25 e il 26». Ma l’accusa del legale è ancora più forte in quanto, a suo dire, risulterebbero in quella rssa altri pazienti gravi o deceduti. «Nulla di tutto ciò è trapelato dagli articoli della vostra testata che narra di una situazione sotto controllo»

Sulla vicenda si sono accesi i riflettori dei media, ma al momento non della Procura, dove non risulta alcun esposto come accaduto ad esempio per il caso Soleto, dove i parenti degli anziani che non ce l’hanno fatta hanno bussato alla porta di viale De Pietro per chiedere giustizia.

La replica del Sindaco

«Siamo profondamente addolorati per la scomparsa dell’anziano, ma la situazione della residenza per anziani è costantemente monitorata. Gli ospiti ancora positivi sono controllati ogni giorno dalle Usca – le unità speciali di continuità assistenziale –  i medici incaricati di controllare passo dopo passo i pazienti che non hanno bisogno di cure in ospedale, ma che possono seguiti a domicilio, in questo caso nella rsa. La nostra attenzione – conclude il sindaco Sperti – continuerà ad essere alta».



In questo articolo: