Rissa tra famiglie in strada a Taurisano, donna incinta in ospedale. Denunciato un 47enne

I fatti sono avvenuti nel pomeriggio di ieri. L’uomo è stato denunciato per resistenza a Pubblico Ufficiale e per aver danneggiato l’auto della donna.

Nel pomeriggio di ieri, intorno alle 16.15, gli agenti del Commissariato di Polizia di Stato di Taurisano sono stati allertati telefonicamente per una lite scoppiata tra due famiglie che abitano sullo stesso piano di un condominio popolare in Via Sabato.

Giunti sul posto gli agenti hanno notato la presenza di un folto numero di persone, costituito dai familiari di uno dei due nuclei coinvolti, oltre a curiosi e vicini di casa; i componenti dell’altro nucleo familiare di nazionalità Slava, costituito da una signora – in stato di gravidanza – e i suoi tre figli minori, si trovava chiuso all’interno della propria abitazione.

Gli agenti si sono adoperati a intimare alle persone non coinvolte nella lite a rientrare nelle proprie abitazioni e al termine di questa operazione, sono riusciti a identificare i familiari del primo nucleo, rimasti per strada in atteggiamenti estremamente minacciosi nei confronti dell’altra famiglia, composti da quattro uomini adulti ed in uno stato di forte ubriachezza.

Da una prima ricostruzione, il litigio avrebbe avuto origine da un alterco avvenuto per strada, per futili motivi, tra un componente della prima famiglia M.R. 47enne e un minorenne dell’altra.

Considerata la situazione, sono intervenuti sul luogo dei fatti altri due equipaggi al fine di prevenire eventuali comportamenti violenti. Tuttavia l’azione di contenimento è stata rivolta esclusivamente verso i quattro componenti uomini adulti, in quanto più esagitati e, quindi, potenzialmente più pericolosi.

Nel frattempo è sopraggiunta un’ambulanza del 118, intervenuta su richiesta della donna in stato di gravidanza, che lamentava dolori alla testa. La puerpera è stata trasportata per accertamenti presso l’Ospedale di Gallipoli, dove le è stato diagnosticato un trauma cranico con prognosi di 5 giorni, con un periodo di osservazione.

Qualche ora dopo, verso le 19.40, quando la situazione si era calmata, la sala operativa ha ricevuto un’altra chiamata d’intervento in quanto M.R. sarebbe stato aggredito nel cortile dai familiari della signora Slava, provenienti dal campo Rom “Panareo” di Lecce.

Giunti immediatamente i poliziotti hanno constatato la presenza dell’uomo con una vistosa ferita sopra l’occhio sinistro, in preda a una fortissima agitazione e con l’intenzione di vendicarsi per il colpo ricevuto. Gli agenti hanno faticato, non poco per calmare il 47enne che ha opposto una decisa resistenza, dimenandosi e strattonando gli operanti.

Lo stesso è stato denunciato a piede libero per resistenza a Pubblico Ufficiale e danneggiamento aggravato poiché, durante le fasi concitate, ha danneggiato l’autovettura della signora Slava.



In questo articolo: