Incastrato per un furto in abitazione, finisce nei guai anche per la droga

Quattro persone sono finite nei guai – tre in carcere, una ai domiciliari – perché sono state sorprese con la droga. A Casarano, un uomo è stato fermato con un chilo di cocaina in macchina

C’è chi è stato pizzicato con più di un chilo di cocaina nascosta in auto e chi è stato incastrato dalle telecamere di videosorveglianza per un furto in abitazione, ma è finito nei guai anche perché durante la perquisizione gli uomini in divisa oltre agli indumenti indossati durante il colpo hanno trovato la droga, il materiale necessario per confezionare le dosi e una discreta somma in contanti. A questi due arresti ne sono seguiti altri due, tutti legati allo spaccio e al traffico di sostanze stupefacenti. Ma andiamo con ordine.

A Cararano, i Carabinieri della stazione locale e del Nor – sezione radiomobile hanno arrestato, in flagranza, un uomo perché durante la perquisizione personale e veicolare è stato sorpreso con un involucro contenente più di un chilo di stupefacente. 1,176 kg di cocaina, per la precisione, nascosta in auto, nel vano portaoggetti. Il controllo è scattato al termine di un breve inseguimento sulla provinciale 321 (la strada che da Taviano conduce a Casarano).

La droga è stata sottoposta a sequestro, mentre per l’uomo, una volta concluse le formalità di rito, si sono aperte le porte del Carcere di Lecce, come disposto dall’Autorità Giudiziaria, informata dell’accaduto.

A Borgo San Nicola è finito anche un altro soggetto, anche lui arrestato in flagranza di reato. In questo caso i guai per l’uomo sono cominciati da una denuncia per furto. Da un’abitazione ‘ripulita’ mancavano diversi gioielli, dei monili in oro. Le indagini hanno preso una piega ben precisa, dopo che gli uomini in divisa hanno controllato le immagini delle telecamere di videosorveglianza. Nei frame erano contenuti indizi che si sono rivelati preziosi per dare un volto e un nome all’autore del furto. Così i Carabinieri della stazione di Copertino hanno effettuato una perquisizione con l’aiuto dei cani del nucleo cinofili di Modugno. Durante il controllo sono spuntate fuori diverse dosi di cocaina, circa 25,38 grammi. E ancora 13,85 grammi di marijuana, il materiale necessario per il confezionamento delle dosi, materiale per confezionamento, 17,52 grammi di mannite, una sostanza da taglio e 790 euro in contanti, probabilmente provento dell’attività di spaccio.

Per finire, è stato trovato l’abbigliamento (scarpe e camicia, entrambe di colore bianco) utilizzato durante il furto in abitazione. Tutto sequestrato. Come detto, anche l’uomo, una volta terminate le formalità, è stato accompagnato presso la Casa Circondariale di Lecce.

Non solo, i Carabinieri hanno deferito per favoreggiamento un altro uomo, poiché – prima della perquisizione – aveva avvertito l’uomo della presenza degli uomini in divisa nelle zone poi perquisite.

A Poggiardo, i militari del Nor della compagnia di Maglie hanno arrestato un altro uomo perché durante il controllo nella sua abitazione sono stati trovati 145 grammi complessivi di cocaina, contenuta in 31 involucri di cellophane di vario peso. Erano nascosti in tre barattoli di vetro. Lo stupefacente è stato sequestrato insieme ad un bilancino di precisione e il materiale utile per il confezionamento delle dosi da spacciare. Arrestato, anche per lui si sono aperte le porte del Carcere di Lecce.

A Ruffano, i carabinieri della locale stazione hanno arrestato in flagranza di reato un uomo incensurato, poiché – durante una perquisizione personale – è stato sorpreso con 10 involucri contenenti complessivamente 10,7 grammi di marijuana; 80 euro in denaro contante e vario materiale per il confezionamento della sostanza. Una volta concluse le formalità è stato riaccompagnato a casa, dove resterà agli arresti domiciliari, così come disposto dall’Autorità Giudiziaria.



In questo articolo: