Fulmine a ciel nuvoloso: Robertino Rizzo rassegna le sue dimissioni. ‘Grazie a tutti, vado via per motivi personali’

Terremoto in casa Lecce: dopo la brutta sconfitta di Catania, il tecnico Roberto Rizzo ha rassegnato le sue dimissioni irrevocabili. 'Grazie alla società e ai tifosi - scrive Robertino - vado via per motivi strettamente personali'. Il DS Meluso a caccia del sostituto.


Serenità definitivamente spezzata in casa Lecce. Il pesante KO rimediato nell’ultimo turno di campionato, il 3 a 0 subito in quel di Catania, ha provocato uno scossone nello spogliatoio giallorosso: l’allenatore dei salentini, Roberto Rizzo, ha rassegnato le sue dimissioni.
 
Una decisione un po’ a sorpresa quella presa dal tecnico di San Cesario, scelto dalla società nella parte finale della scorsa stagione e confermato con convinzione per la nuova appena iniziata: le prestazioni iniziali della rosa giallorossa non hanno convinto tifosi e dirigenza, che però hanno concesso lui tutte le attenuanti del caso.
 
Tuttavia questo non è bastato: Rizzo ha gettato la spugna questa mattina, recapitando una lettera ai vertici di via Costadura che, dopo un iniziale tentativo di convincimento, hanno dovuto accettare la decisione che lo stesso tecnico ha definito irrevocabile.
 
Una vittoria, una sconfitta (due se contiamo i calci di rigore di Alessandria) e sei pareggi: effettivamente troppo poco per un Lecce che cercava prima disperatamente l’accesso in B dai playoff, poi un avvio di campionato convincente. A Rizzo non è andata bene: se dovessimo analizzare le cause dei suoi mancati successi dovremmo scrivere per ore, ma nel calcio (soprattutto quello isterico dell’era dei social), conta solo il risultato. E quello è sempre mancato.
 
“In queste ore ho maturato una decisione, che seppur sofferta, è irrevocabile, nonostante i vari inviti da parte della società a ripensarci. Ho deciso – scrive il tecnico alla società – di rassegnare le dimissioni dalla guida tecnica della prima squadra, dettate esclusivamente da motivi personali. Al presidente Saverio Sticchi Damiani e alla società tutta rivolgo il mio ringraziamento per il supporto datomi in questi mesi, a tutta la squadra va un abbraccio sentito, augurando al Lecce le migliori fortune per la prosecuzione del campionato. Per ultimo, ma non per ordine di importanza, la mia riconoscenza verso i tifosi giallorossi, che non hanno mai mancato di far sentire il loro calore e attaccamento anche in questo mio ultimo periodo di lavoro.”
 
Roberto Rizzo conferma quel maledetto detto latino ‘nemo propheta in patria’: lui, chiamato lo scorso hanno per la missione playoff e confermato per la stagione 2017/18 per vincere il campionato, non ha saputo convincere fino in fondo e così la panchina giallorossa, forse la più complicata della sua carriera, segna un nuovo capitolo sfortunato per lui.
 
E adesso? Adesso si apre un nuovo periodo di passione per la dirigenza e per i sostenitori giallorossi: per il sesto anno consecutivo cambierà la guida tecnica della squadra. I soci del sodalizio salentino si sono riuniti nel pomeriggio di oggi, comunicando al DS Meluso di dover procedere ad individuare il successore. Un duro colpo, questo, anche per lo stesso Meluso che, tassello dopo tassello, sta vedendo sgretolare il famigerato progetto biennale di risalita. Tocca ancora lui, adesso, tentare di non sbagliare più nulla.

Ultima modifica: 15 settembre 2017 17:59

In questo articolo