81enne trovato senza vita in casa, terminata l’autopsia. Un trauma cranico ha provocato la morte

È il primo responso dell’autopsia per ricostruire le cause del decesso di Fernando Monte, dopo la lite a pranzo con il badante accusato di omicidio.

L’anziano di Castrignano de’Greci trovato privo di vita in casa dalla figlia è deceduto a causa di un trauma cranico con copiosa emorragia E la lesione sarebbe compatibile con l’utilizzo di un mezzo contundente, che si presume sia il telefonino. È questo il primo responso dell’autopsia per ricostruire le cause del decesso di Fernando Monte, dopo la lite a pranzo con Victor Josan, il badante che ha poi confessato di aver scagliato il cellulare in testa all’anziano, poiché stava sbirciando sul suo telefono, e di averlo picchiato selvaggiamente.

L’esame autoptico è stato eseguito oggi dal medico legale Roberto Vaglio. L’indagato, difeso dall’avvocato Stefano Maggio, non ha nominato un consulente di parte. Stesso discorso per i familiari di Fernando Monte, 81enne di Castrignano de’Greci, assistiti dagli avvocati Antonio Palumbo e Anna Maria De Simone.

I risultati completi si conosceranno entro i prossimi 90 giorni.

Victor Josan, 36enne di origini moldave, risponde di omicidio aggravato dai futili motivi. Il gip Valeria Fedele ha convalidato il fermo. Durante l’udienza, il badante ha confermato quanto già riferito al pm Luigi Mastroniani, nel corso di una confessione in stato di choc, in cui dichiarò anche di avere sentito delle voci in testa. E non è escluso che nelle prossime ore possa essere disposta una perizia psichiatrica per Victor Josan.



In questo articolo: