Punta Prosciutto, rifiuti abbandonati nella pineta verso la spiaggia. Stagione turistica in arrivo

Sono diverse le segnalazioni giunte in redazione per denunciare l’abbandono di rifiuti nella pineta antistante via Alfonso Corti a Punta Prosciutto.

Non sono bastate le chiusure e la presenza ridotta di turisti a scongiurare una scena già vista, troppe volte. Si tratta di un vero e proprio esempio di inciviltà, un pessimo biglietto da visita per chi sceglie il Salento per passare le sue vacanze ed apprezzare i suoi meravigliosi paesaggi, quando non sono “inquinati” dai rifiuti lasciati irresponsabilmente a terra. A fare da sfondo a numerosi gesti di inciviltà è ancora una volta la pineta che conduce alla spiaggia libera di Punta Prosciutto.

Sono numerose le segnalazioni giunte in redazione per denunciare il comportamento di tantissimi visitatori che decidono di gettare i propri rifiuti proprio nella pineta che porta alla spiaggia libera, rovinando una delle aree che dovrebbero essere protette. Siamo ancora lontani dall’inizio ufficiale della stagione estiva e la situazione, purtroppo, è tutt’altro che sotto controllo. Le foto giunte in redazione, infatti, testimonio l’inciviltà di chi usufruisce di posti magici, senza prestare il giusto rispetto e la giusta attenzione. E resta anche il problema per i residenti che lamentano il cattivo odore emanato dalla spazzatura lasciata incustodita e la presenza di topi attratti probabilmente da resti di cibo.

“Tutti se ne lavano le mani – recita uno dei messaggi inviati alla redazione di Leccenews24 – Tutti se ne lavano le mani: il Comune dice che deve pensarci Ecotecnica, quest’ultima dice che è una zona privata (non capisco come una zona privata possa essere protetta, ma forse è una mia mancanza) e che di conseguenza non può entrarvi per pulire, ed il proprietario se mai ce n’è uno, non si sa chi sia”.

Intanto, la situazione resta grave e sembra solo destinata a peggiorare senza un intervento di chi di competenza.