Scappa con la sua bici per “vedere il mare”. Il Salento vuole realizzare il sogno del piccolo Valerio: Lizzanello c’è

Voleva andare al mare in Puglia, in bicicletta, il 13enne scomparso dal suo paesino in provincia di Trento. Il Salento ora fa a gara per ospitarlo.

«Se non fosse per la paura che hanno provato i suoi genitori, ci sarebbe da definire questa storia solo con una parola: romantica. Lo immagino, mentre pedala rincorrendo il suo sogno. E se fossi un Sindaco di un qualunque posto di mare pugliese (ma anche dell’entroterra), inviterei lui e la sua famiglia a trascorrere una settimana nel suo paese».

La storia è quella di Valerio, il 13enne di Lavarone scappato di casa in sella alla sua bicicletta, intenzionato a raggiungere la Puglia. Voleva vedere il mare, il suo sogno. L’appello, invece, è di Catena Fiorello, scrittrice siciliana d’origine e salentina d’adozione che ha voluto invitare i primi cittadini a realizzare il desiderio di questo ragazzino che, con la sua “incoscienza”, è riuscito a commuovere tutti.

Detto, fatto.  Il Salento, terra di accoglienza per antonomasia, si è già mobilitato per ospitare il piccolo “sognatore”, insieme alla sua famiglia. Il primo comune a dare la sua disponibilità è Lizzanello. Il sindaco, Fulvio Pedone e la consigliera alla Pubblica Istruzione e Cultura, Paola Buttazzo, rispondendo all’invito di Catena Fiorello, hanno raggiunto telefonicamente il primo cittadino di Lavarone, Isacco Corradi per aiutare il 13enne a realizzare il suo più grande desiderio.

Se lo vorrà, Valerio potrà scoprire questa “generosa” terra da una barca a vela. Salperà da Gallipoli e navigherà verso Leuca per poi approdare a San Foca, con sosta ad Otranto.

«Aspettiamo Valerio nel Salento – ha dichiarato Pedone – Lizzanello e Merine ci sono, abbiamo sempre posto per i sognatori!». E non è il solo. Anche Racale ha dato la sua disponibilità, dimostrando che non tutti i sogni sono irrealizzabili.

Catena Fiorello, dal canto suo, ha avvistato alcuni programmi televisivi. “Mi piacerebbe, scrive, che parlassero anche della generosità di questa regione…”

Grazie a tutti, ma…

«La famiglia di Valerio ringrazia tutti, anche per gli inviti ricevuti e le offerte gratuite di soggiorno in Puglia. In questo momento così vicino all’accaduto, chiedono però tranquillità e serenità. Sono veramente grati a tutti. La famiglia sicuramente andrà al mare, ma in questo momento così delicato non vogliono essere sotto i riflettori» si legge sul profilo Facebook del comune di Lavarone.



In questo articolo: