Non ce l’ha fatta il 17enne investito e abbandonato in strada, automobilista positivo alla cocaina

L’automobilista fuggito dopo aver investito un 17enne sulla Leverano-Copertino e rintracciato dopo aver perso la targa sarebbe risultato positivo alla cocaina.

Ospedale Vito Fazzi di Lecce, esterno (ph. Giuseppe Greco)

Le speranze erano ridotte al lumicino, ma i medici del “Vito Fazzi” di Lecce hanno fatto di tutto per evitare la tragedia. Gli sforzi, purtroppo, sono stati vani. Tiziano Dell’Anna, il 17enne di Leverano investito da una Bmw su via della Libertà mentre si trovava in sella alla sua bicicletta, non ce l’ha fatta. Il ragazzo si è spento nel reparto di rianimazione, dove era stato ricoverato dopo essere arrivato in Ospedale in codice rosso grazie ad un automobilista di passaggio che lo ha notato sul ciglio della strada dove era stato abbandonato e ha chiamato i soccorsi.

L’investitore – un 47enne di San Pietro in Lama –  dopo l’impatto era fuggito via senza fermarsi a prestare soccorso. È stato rintracciato nel cuore della notte grazie alla targa, trovata sul luogo dell’incidente dai Carabinieri di Campi Salentina giunti sulla provinciale per effettuare i rilievi utili a ricostruire il sinistro. Poco dopo si è presentato in Caserma, accompagnato dal suo avvocato, Francesco D’Agata. Sotto choc si è assunto le responsabilità dell’accaduto. Per lui erano scattati i domiciliari, con l’accusa di lesioni personali gravi. La sua posizione si è poi aggravata alla luce dei nuovi tragici sviluppi dell’incidente e ora dovrà rispondere di omicidio stradale.

Sottoposto agli accertamenti, per verificare se avesse assunto alcol o droga prima di mettersi al volante sarebbe risultato positivo alla cocaina. I test tossicologici hanno rilevato, infatti, la presenza di tracce di “polvere bianca”. Nella mattinata di domani, è atteso davanti al Gip per l’udienza di convalida dell’arresto e potrà ribadire la propria versione dei fatti.



In questo articolo: