Chiede un’offerta nel reparto di Ginecologia, invitato ad uscire aggredisce i vigilantes

Una Guardia Giurata, in servizio all’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, è stata aggredita da un giovane che si aggirava nel reparto di Ginecologia chiedendo offerte

Stava chiedendo alcune offerte in cambio di piccoli oggetti, ma quando è stato invitato ad allontanarsi perché non era consono il luogo in cui stava “mercanteggiando”, il giovane protagonista di questa (brutta) storia ha reagito in malo modo, aggredendo con pugni e calci chi gli aveva semplicemente chiesto di andar via. Se le pagine di cronaca locale ospitano abitualmente episodi di violenza simili, forse è la prima volta che si consuma tra i corridoi de reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, dove si alternano pazienti e familiari.

I fatti

Due Guardie Giurate che si occupano di ‘sorvegliare’ il nosocomio salentino, hanno notato un giovane che si aggirava nel reparto chiedendo con insistenza ai presenti del denaro. Così si sono avvicinati, per chiedergli con gentilezza di non disturbare le tante persone presenti, tra neo-mamme in ostetricia e degenti di ginecologia. L’uomo non l’ha presa bene, ma si è incamminato verso la porta continuando a proferire frasi poco carine, a dir poco minacciose, nei confronti dei vigilantes.

Prima di uscire, la situazione è precipitata: in preda alla rabbia, ha colpito con violenza allo stomaco una Guardia, spedendola al Pronto Soccorso. Non ha risparmiato neanche il collega, intervenuto per riportare la calma. Lo ha spintonato più volte, facendo perdere le proprie tracce.

Quella che raccogliamo è l’ennesima testimonianza da parte dei dipendenti della GGS che lamentano le continue aggressioni subite, anche in Guardiania e ritengono l’organico non adeguato alle tante problematiche di gestione dell’ordine pubblico in quel “Vito Fazzi” che è ormai diventato una città nella città.



In questo articolo: