Viola il decreto, ruba un’auto e dopo un inseguimento finisce in manette. Ai domiciliari 23enne

L’arresto questa notte a opera degli agenti della Squadra Volante e dei militari dell’Arma. Nel corso dell’inseguimento l’uomo ha danneggiato tre autovetture parcheggiate in strada.

Furto, danneggiamento aggravato continuato, resistenza a Pubblico Ufficiale e inosservanza del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, riguardante l’emergenza coronavirus.

Sono questi i reati da cui dovrà difendersi un 23enne arrestato nella nottata appena trascorsa.

I fatti

Le lancette dell’orologio segnavano all’incirca le 2.10, quando, gli agenti della Squadra Volante della Questura di Lecce, insieme ai militari dell’Arma, al termine di un inseguimento rocambolesco, hanno proceduto all’arresto del 23enne Mirko Greco.

Nello specifico, l’uomo, dopo aver rubato una Audi A4, di proprietà del convivente della madre, è stato intercettato e inseguito dai Carabinieri e successivamente dalle pattuglie di “Viale Otranto”.

Nel corso dell’inseguimento, Greco, ha danneggiato tre autovetture parcheggiate in strada, per poi, una volta giunto all’imbocco di Via Lupiae, angolo Via Bari, essere bloccato e arrestato, ripetiamo, per furto, danneggiamento aggravato continuato, resistenza a Pubblico Ufficiale e violazione dell’art. 650 del Codice Penale (inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità).

Mirko Greco, al termine delle formalità di rito è stato tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, così come disposto dal Pubblico Ministero di turno, Francesca Miglietta.