Come diventare barman, il corso di Asesi “svela” tutti i segreti del mestiere

La professione del barman non la si può improvvisare. È necessaria un’adeguata preparazione. Ecco il corso gratuito organizzato da Asesi con Garanzia Giovani

Ci sono molti giovani che credono nei “percorsi tradizionali”: diploma, università e, carta in mano, ricerca di un posto, magari fisso. Ma tanti altri – una fetta non indifferente – vuole buttarsi subito nel mondo del lavoro, seguendo le proprie inclinazioni, gli interessi e i desideri. Indipendentemente dalla strada scelta, la formazione è importante, resta un pilastro su cui costruire il futuro. Tra le professioni più ricercate c’è senza dubbio quella del barman, una figura che ha la “libertà” di scegliere dove lavorare – dalle navi da crociera ai villaggi turistici, dai bar alle discoteche, dalle spiagge alle feste private – e quando lavorare – se durante le stagioni estive o invernali o full time.

Se, in passato, era l’esperienza dietro al bancone a fare la differenza, oggi non è più così. La bravura va aiutata con un corso di formazione, come quello organizzato da Asesi – Associazione Servizi Sindacali con sede a Taviano (clicca qui per informazioni). Perché ci vogliono competenze per preparare aperitivi, cocktail e long drink. Soprattutto di fronte a una clientela sempre più variegata ed esigente. Alla fine, quello che il cliente giudica è quello che ha nel bicchiere. Per questo la professionalità è tutto, anche se si tratta di un mestiere trendy e ricco di opportunità. Insomma, non è un lavoro che si può improvvisare…prima bisogna studiare.

Nel caso del corso per barman organizzato da Asesi l’opportunità arriva da Garanzia Giovani che permette ai giovani residenti in Puglia che hanno tra 15 e 29 anni, che non studiano e non lavorano di intraprendere questo percorso che avrà la durata di 200 ore. L’obiettivo è quello di “svelare” tutti i segreti del mestiere: dalle conoscenze necessarie per la preparazione di drink alle competenze di una professione in netta crescita.

Macro aree di formazione

Le macro aree di formazione previste saranno:

  • La professione del bartender
  • Merceologia alimentare e igiene degli alimenti

A fine corso ogni partecipante dovrà essere in grado di organizzare efficacemente il banco-bar durante i diversi momenti della giornata: dalle colazioni agli aperitivi, ai cocktail, utilizzando gli ‘attrezzi del mestiere’, curando la mise en place, mostrando abilità e competenza nella proposta della caffetteria e orientandosi con autonomia nel grande universo delle bevande, dal vino ai liquori, dai distillati ai drink internazionali. Tutto seguendo le nuove tendenze del mercato e le esigenze del cliente.

Certificazione e Benefit

Alla conclusione del corso di formazione verrà rilasciato un ”Attestato di Frequenza con profitto“.

La frequenza al corso è totalmente gratuita. Agli allievi sarà riconosciuta un’indennità oraria fino ad un massimo di 400 euro in relazione alle reali ore di frequenza.

Ma c’è di più: sono previsti anche tirocini formativi e la possibilità di inserimento in aziende del settore.

Partner di progetto

  • Flowers Bar di Taviano
  • Il Giardino sotto il naso (https://ilgiardinosottoilnaso.com/)
  • Gea Tourism, una società cooperativa specializzata in alta formazione di risorse per l’hospitality ed Ho.Re.Ca. Grazie alla sua ventennale esperienza nel settore garantisce elevati standard di consulenza per l’upgrade dei servizi offerti dagli operatori e agevola l’inserimento lavorativo oltre che lo sviluppo di carriera delle risorse formate