Botte alla ex convivente e schiaffi alla figlia piccola sotto l’effetto di droga. Condannato a 4 anni

I fatti contestati dal pm Giorgia Villa si sarebbero verificati a partire dal 2013 e anche dopo la fine della convivenza.

Era accusato di avere picchiato l’allora convivente anche in presenza della figlia piccola per sei lunghi anni ed al termine del processo, è arrivata la condanna per l’ex compagno.

Il giudice monocratico Annalisa De Benedictis ha inflitto la condanna a 4 anni per un giovane di Carmiano. Non solo, poiché è stato disposto il risarcimento del danno in favore della vittima di violenza domestica. La donna si era costituita parte civile con l’avvocato Giovanni Erroi.

Invece, l’imputato che rischiava anche una condanna più pesante, rispondeva dei reati di maltrattamenti, stalking e lesioni. È difeso dall’avvocato Andrea Capone, che presenterà comunque ricorso in Appello.

I fatti contestati dal pm Giorgia Villa si sarebbero verificati a partire dal 2013 e fino al 2019.

L’uomo avrebbe picchiato quotidianamente la convivente, spedendola anche in ospedale e le avrebbe impedito di uscire da sola o di scambiare messaggi con gli amici. Nel settembre del 2015, avrebbe spinto la compagna incinta per strada, facendola cadere violentemente a terra. Negli anni successivi tali condotte violente sarebbero state indirizzate anche alla figlia di quattro anni, che sarebbe stata colpita in pieno volto dal padre sotto effetto di stupefacenti.

In seguito alla cessazione della convivenza, il giovane di Carmiano avrebbe cominciato a perseguitare la donna, arrivando a puntarle una pistola sul fianco.

E nell’ottobre del 2019, mentre la ex compagna accompagnava la figlia a scuola, le avrebbe strappato dalle mani la bambina. E in una circostanza simile l’avrebbe minacciata di morte con un coltello.

E ancora, vengono contestati lanci di pietre, calci alla macchina e continui messaggi dal tenore offensivo.

L’uomo venne arrestato e condotto ai domiciliari. Attualmente si trova in carcere per un aggravamento della misura.



In questo articolo: