Bagno nel giorno di Pasqua: multata dai vigili. L’esito dei controlli in città e nelle marine

Controlli extra in questa domenica di Pasqua da parte degli agenti della Polizia Locale di Lecce. 9 le sanzioni elevate, quattro nelle marine.

56 agenti, 3 ufficiali e quattro operatori di pilotaggio di droni: questi i numeri messi in campo dalla Polizia Locale di Lecce, in collaborazione con la Protezione civile e l’assessorato all’Ambiente, per tenere alta la guardia sui controlli dei movimenti delle persone nella giornata di Pasqua.

18 pattuglie, come ogni giorno hanno perlustrato la città: il centro storico, la Zona Est, tra via Merine e Viale Giovanni Paolo II, la Zona Rudiae-Ferrovia, la Zona Mazzini, la Zona Stadio, da San Sabino a San Massimiliano Kolbe, Zona Santa Rosa. In 8 in azione nelle marine: Torre Chianca, Spiaggiabella, Parco di Rauccio, Torre Rinalda, San Cataldo e Frigole.

 

In molti casi i pochi automobilisti trovati in circolazione hanno esibito copia di dichiarazioni rese ad altre forze dell’ordine in precedenti posti di controllo. In tutto sono state acquisite 137 autocertificazioni ed elevate 9 sanzioni per spostamenti contrari alle limitazioni imposte dalle norme antiCoVid-19:

– 2 uomini, uno in mattinata e uno nel pomeriggio, che riferivano di voler andare a fare la spesa;
– 1 donna, proveniente da Monteroni, a bordo di un’auto con marito e figlia;
– 1 ragazza in bicicletta ed 1 ragazzo a piedi, che non fornivano valida giustificazione per lo spostamento;
– 2 sorelle dirette a casa di parenti;

Quattro, invece, le sanzioni nelle marine, particolarmente ‘battute’ in questa domenica di Pasqua.

Nel dettaglio, due persone a Frigole, un uomo in località Acquatina e una donna sul lungomare Mori, entrambi nella propria autovettura ad ammirare il mare; due a Torre Chianca: una ragazza che faceva il bagno al ponticello sul bacino Idume e una donna di Surbo che accompagnava la figlia di dieci anni a casa dei nonni.

Anche nella giornata di Pasqua i volontari della Protezione Civile hanno garantito l’attività di assistenza rivolta soprattutto ad anziani soli e persone in quarantena, grazie alle richieste inoltrare al numero 0832.230049, della sede del COC di via Giurgola. Oggi sono pervenute 48 richieste, 19 di farmaci e di 28 di informazioni.



In questo articolo: