Ingoia una lametta per essere ricoverato, poi aggredisce gli agenti e scappa. Preso nel pomeriggio il 39enne di Monteroni

L’uomo era detenuto presso la casa circondariale di Bari. L’evasione ieri sera dopo che era stato trasportato presso il Policlinico del capoluogo pugliese. Arrestato nel pomeriggio a Lecce.

Il tempo di arrivare a Lecce, trascorrere la notte chissà dove, poi, l’arresto nel pomeriggio di oggi. E’ durata poche ore la fuga di Vincenzo Rossetti, 39enne di Monteroni di Lecce, evaso nella serata di ieri dall’ospedale di Bari, dopo aver ingerito una lametta in carcere. la fuga si è interrotta questo pomeriggi, quando si è presentato presso la “Cittadella della Salute”, il Vecchio Vito Fazzi, in Piazzetta Bottazzi.

Era finito nel Carcere di Bari quando era stato incastrato per una rapina, l’ultima nel suo curriculum criminale ricco di colpi quasi tutti riusciti, ma non “perfetti” considerati gli indizi finiti nelle mani degli uomini in divisa che, messi insieme tutti i pezzi, gli hanno presentato il conto da pagare.

L’evasione dall’Ospedale

Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto l’uomo, durante la visita medica, avrebbe aggredito e spintonato due agenti di polizia penitenziaria di scorta. Non contento, per guadagnarsi la via di fuga avrebbe colpito con una violentissima testata anche una guardia giurata dell’Ospedale. A quel punto, è scappato via facendo perdere le proprie tracce.

L’orologio aveva da poco segnato le 22.30, quando è scattato l’allarme, sul posto sono giunte le Forze dell’Ordine ed è partita la macchina delle ricerche.



In questo articolo: