Le fiamme minacciano ancora via Idomeneo: due episodi in poche ore. Incendio doloso anche in via di Casanello

In via Idomeneo i carabinieri hanno trovato due cartucce da caccia. In via di Casanello la Polizia scientifica ha ritrovato della diavolina.

pompieri

Era solo una calma apparente perché da questa mattina i residenti di via Idomeneo hanno dovuto fare i conti con le fiamme che, negli ultimi mesi, hanno distrutto (o cercato di distruggere) decine di auto. Tutti incendi di natura dolosa, tant’è che gli uomini in divisa propendono per credere non si tratti di casi isolati, ma del disegno di un piromane.   

Nel giro di poche ore sono ben due gli episodi denunciati. Il primo è stato scoperto questa mattina dalla proprietaria dell’auto presa di mira. Qualcuno, nottetempo, ha cercato di appiccare il fuoco ad una Toyota Yaris, parcheggiata a pochi passi dall’incrocio con via Palmieri, utilizzando della diavolina. Fortunatamente, il rogo si è spento da solo, danneggiando soltanto la parte esterna del veicolo.

Il secondo caso

Più inquietante quanto accaduto nel primo pomeriggio, quando le lancette dell’orologio avevano da poco segnato le 14.30. Questa volta, nel mirino dello sconosciuto è finita una Audi, vecchio modello. L’orario “insolito” ha permesso di evitare conseguenze ben più gravi. Le fiamme, infatti, sono state spente da alcuni passanti che hanno notato il fumo propagarsi dalla ruota.

Una volta scattato l’allarme, sul posto si sono precipitati gli uomini in divisa. Durante il classico sopralluogo per cercare di trovare la ‘firma’ dell’autore del gesto, i militari hanno ritrovato per terra due cartucce da fucile da caccia, poi sequestrate. Probabilmente l’intento di chi ha appiccato l’incendio era quello di farle esplodere con il calore del fuoco, provocando danni maggiori alla vettura presa di mira.

Incendio in via di Casanello

A richiamare l’attenzione della Polizia, invece, è un altro incendio e questa volta in zona centro, nei pressi di piazza Mazzini.

Intorno alle 18.30 gli agenti delle Volanti e i colleghi della Scientifica sono intervenuti in via di Casanello perchè un’Alfa Romeo Mito è stata vvolta dalle fiamme. Anche in questo caso è stato evidente il dolo poichè nei pressi del veicolo è stato trovato un residuo di innesco, ovvero la diavolina.


In questo articolo: