Investe il cane di quartiere e scappa senza soccorrerlo, rabbia tra i cittadini di Trepuzzi

Qualcuno ha investito il cane di quartiere senza fermarsi a soccorrerlo, i cittadini che lo hanno adottato temono che non sia stato un incidente.

È ricoverato nella clinica veterinaria Arca di Trepuzzi il cane di quartiere Bianchino. Fortunatamente non è in pericolo di vita, ma certamente non se la passa bene dopo che è stato investito da un automobilista in Zona Otano, per la seconda volta nel giro di poco, pochissimo tempo.

Le associazioni animaliste e tutti i cittadini che a lui sono molto affezionati sono sul piede di guerra. Per loro non si è trattato di un incidente casuale, bensì di un atto vile nei confronti del cane che non è stato nemmeno soccorso dopo essere finito sotto l’automobile. Tanti i testimoni che si stanno organizzando per dare seguito legale all’accaduto, raccogliendo le dichiarazioni di chi ha assistito all’episodio chiamando immediatamente i soccorsi veterinari o attivandosi per visionare le immagini di qualche telecamera istallata in zona. Si tratta di cittadini che non vogliono volgere lo sguardo altrove, facendo finta di nulla, quasi che si sia trattato di un banale incidente.

Il cane è una sorta di mascotte per il quartiere. Si prende cura di lui una cittadina che nelle ore diurne lo lascia per le strade del rione, assecondando il suo desiderio di libertà. Bianchino, ovviamente, non è mai stato molesto per nessuno.

Stando al racconto dei fatti di chi ha contattato la redazione di Leccenews24.it, anche autorevoli esponenti istituzionali hanno garantito che l’Amministrazione Comunale farà la sua parte. Se dalla ricostruzione ufficiale dell’episodio dovesse appurarsi che il cane di quartiere è stato appositamente investito e poi non soccorso, anche la Città di Trepuzzi si unirà all’azione giudiziaria, che sembra essere prossima, costituendosi parte civile.



In questo articolo: