Omicidio-suicidio di Novoli, dopo le autopsie i funerali separati di Donatella e Matteo

Dopo l’autopsia del medico legale, nella chiesa madre di Sant’Andrea Apostolo, a Novoli, si terranno i funerali di Donatella Miccoli. A Veglie ultimo saluto a Matteo Verdesca

Nel tentativo di ricostruire gli ultimi minuti di vita di Donatella Miccoli, la 38enne di Novoli uccisa a coltellate dal marito Matteo Verdesca, il pubblico ministero Giorgia Villa ha fissato l’autopsia.

Al medico legale Roberto Vaglio spetterà il compito di dare delle risposte su cosa è accaduto quella notte, quando nella villetta che si affaccia su via Veglie si è consumato l’omicidio. Se i ‘pettegolezzi’ non bastano a spiegare la lite scoppiata nel cuore della notte e finita in tragedia, l’esame potrebbe dare un quadro più completo del delitto. Donatella ha cercato di difendersi? E quante coltellate le ha inferto il marito mentre i bambini dormivano, stanchi forse dopo la serata passata alle giostre allestite per la festa in onore di San Luigi? È stata quella alla gola a condannare a morte la commessa?

L’autopsia è stata effettuata anche sui resti di Matteo Verdesca che, dopo aver tolto la vita alla compagna, ha confessato alla mamma “di aver fatto un casino” si è suicidato, dandosi fuoco. Secondo quanto ricostruito, l’uomo ha riempito una tanica in un distributore, ha cosparso con la benzina l’auto con cui era fuggito, si è sdraiato all’interno e ha acceso una sigaretta lasciando che le fiamme cancellassero il senso di colpa per quello che aveva fatto.

I funerali

Una volta conclusi gli accertamenti, Novoli potrà salutare per l’ultima volta Donatella. I funerali, celebrati da Mons. Michele Seccia, sono stati fissati per le 17.00 di venerdì, nella chiesa madre di Sant’Andrea Apostolo, mentre nella cittadina di poco meno di 8mila anime si rispetterà il lutto cittadino proclamato dal Sindaco Marco De Luca.

Saranno in tanti ad abbracciare papà Floriano, ex carabiniere in pensione, mamma Ornella e la sorella rientrata in Salento.

Per Matteo i funerali si terranno nella chiesa della Madonna di Lourdes, a Veglie, dove abita la famiglia.

Restano due famiglie distrutte, due bambini rimasti senza genitori e il dolore del ragazzo di appena 18 anni, nato da una precedente relazione di Matteo.



In questo articolo: