Covid-19, la Puglia in zona arancione dal 26 aprile: è ufficiale. Rt scende a 0,84

C’è stato un effettivo miglioramento nell’andamento dei contagi nella Regione che nelle scorse settimane ha registrato una battuta d’arresto.

Dopo innumerevoli settimane di chiusure per la Puglia, da giorni col fiato sospeso per un cambio di colore, arriva l’ufficialità della zona arancione, consentendo ad un numero maggiore di attività di rimanere aperte e tagliando fuori, nuovamente, bar e ristoranti dalla platea degli esercizi commerciali che beneficiano di un allentamento delle restrizioni.

In un quadro generale piuttosto confuso, solo pochi giorni fa il destino del Tacco dello Stivale era segnato al colore rosso fino alla fine del mese, almeno così sembrava. Il miglioramento della situazione epidemiologica della regione ha portato ad un riposizionamento in zona arancione, con un Rt sceso a 0,84, lievemente sopra a quello nazionale pari a 0,81.

Un bilico addirittura per la zona gialla, non arriva in una giornata serena la decisione dell’allentamento delle restrizioni. Come riportato dall’ultimo bollettino epidemiologico di oggi, infatti, sono addirittura 64 i decessi registrati nelle ultime 24 ore, un numero spaventosamente alto se rapportato a quello dei decessi totali sul territorio nazionale di 342 vittime. A ben guardare si tratta del 18,7% del totale dei decessi registrati, sintomo di una situazione epidemiologica affatto domata.

A giocare un ruolo positivo deve essere stato anche l’alto numero di vaccini somministrati negli ultimi giorni che hanno portato la Puglia nell’olimpo delle regioni più virtuose dal fondo della lista.