Rimane incinta a 14 anni. Il compagno 26enne denunciato, dopo l’intervento dei poliziotti

Condotto in Questura per l’identificazione, il 26enne si è scagliato contro gli agenti ed ha tentato di scappare. A quel punto, sono scattate le manette

Scatta prima la denuncia e poi l’arresto per un 26enne, accusato di avere aggredito i poliziotti che erano intervenuti per sedare un litigio con una 14enne. Ma c’è un altro aspetto della vicenda, emerso quando la minore ha raccontato di essere incinta e che il padre era il ragazzo più grande di lei. Il giovane, a quel punto, è stato denunciato dai poliziotti delle Volanti per atti sessuali con minorenne.

Gli agenti erano intervenuti qualche giorno fa, nella villa comunale di Lecce intorno alle 20, dopo la segnalazione di un passante.

E giunti sul posto, hanno raccolto le confidenze della minore che ha rivelato di essere incinta dell’uomo, con cui aveva una relazione da circa un anno. Sono stati immediatamente i genitori della 14enne ed anche il pm di turno della Procura per i Minorenni, Paola Guglielmi e il pm della procura ordinaria, Alberto Santaccatterina.

L’inchiesta è condotta dal pubblico ministero del pool “fasce deboli”, Luigi Mastroniani. 

Una volta condotto in Questura per l’identificazione, il 26enne ha cominciato a dare in escandescenza e ha cercato di scappare, arrivando anche a ferire un poliziotto. A quel punto, per l’uomo sono scattate le manette.