Giovani extracomunitari ubriachi e senza protezioni nel piazzale della Stazione, la segnalazione: ‘Sono stati avvertiti dei rischi?’

Giungono due segnalazioni alla nostra redazione. Un gruppo di giovani di colore ubriachi tutte le sere si ritrova nel piazzale della stazione dei treni senza nessun dispositivo di sicurezza

«Nei pressi della stazione da diversi giorni staziona un gruppo di ragazzi di colore senza alcun dispositivo di protezione personale e sopratutto vistosamente ubriachi…Mi chiedo se siano state veicolate loro tutte le informazioni del caso e soprattutto perché nessuno intervenga»

Sono due le segnalazioni che giungono alla redazione di Leccenews24.it per rendere nota una situazione che sembra essere grave, gravissima. A quanto riportato, infatti, pare che nel piazzale della Stazione Ferroviaria di Lecce continuino alcune situazioni di degrado in un momento particolarmente difficile come quello che stiamo vivendo, in cui è in atto una vera e propria guerra contro il coronavirus che parte dalla regola basilare del distanziamento sociale. Alcuni cittadini extracomunitari, che sono soliti praticare quella zona, insistono nel comportarsi come se nulla fosse.

In entrambe le segnalazioni si parla, infatti, sia dello stato di alterazione psicofisica di questo gruppo di giovani ma soprattutto si prende atto che nessuno dei soggetti in questione indossi mascherine, guanti o qualsiasi altro dispositivo di protezione individuale e non rispetti in alcun modo la distanza di un metro tra persone.

Sorge il dubbio in un nostro lettore che questi giovani che vivono al margine della società non siano stati adeguatamente informati su ciò che sta accadendo, anche se nell’epoca dei social risulta difficile credere che nessuno abbia letto alcuna notizia in merito ai rischi del contagio da coronavirus. Sembra più probabile che malgrado le raccomandazioni a tutti i livelli, dal Presidente del Consiglio dei Ministri al Sindaco, ormai condivise, ci sia una sorta di rifiuto ad adeguarsi e in questo caso forse sarebbe opportuno che i controlli e le sanzioni fossero più puntuali.

Certo sono giorni difficili e gli uomini e i mezzi della Polizia di Stato e dei Carabinieri sono impegnati in tante attività che rendono quasi impossibile poter stare dietro a tutto ciò che accade. Ma queste segnalazioni risultano gravi e la certezza è quella che chi di competenza possa farsene carico immediatamente.



In questo articolo: