Soccorre una donna dopo un incidente, poi cerca di violentarla e derubarla. Incredibile storia a Taurisano

Storia shockante quella che vede protagonista una donna: la sua auto si è ribaltata per evitare un animale, ma a soccorrerla c’era un 24enne che ha tentato di violentarla e di derubarla.

Ci sono storie che hanno davvero dell’incredibile, con retroscena raccapriccianti e paradossali. Una di queste è certamente quella avvenuta nel corso della giornata di oggi a Taurisano. Il tutto inizia presto, molto presto, all’alba: lungo la litoranea ionica era stato segnalato un sinistro stradale, con tanto di auto ribaltata e richiesta di soccorsi.

Sul posto son giunti immediatamente gli agenti di Polizia e i Vigili del Fuoco, intervenuti per rimuovere un veicolo ribaltato dal centro della carreggiata. All’interno, tuttavia, non c’era nessuno. Sono però bastate poche indagini per risalire al conducente dell’automobile: si trattava di una donna, raggiunta poco dopo all’interno della sua abitazione.

Gli agenti hanno subito cercato di capire cosa fosse successo: la donna ha raccontato di essere alla guida della sua auto ma, mentre cercava di evitare un animale per strada, ne ha perso il controllo, ribaltandosi. Il racconto fornito dalla signora, però, più andava avanti, più il tutto diventata surreale. La donna, infatti, ha proseguito: intorno a lei non c’era nessuno e l’unica speranza di avere un aiuto era riposta nel centro abitato, raggiunto a piedi nel giro di pochi minuti.

A piedi nel centro abitato 

Qui, in paese, ad uscire incontro è stata un’automobile guidata da un uomo, il quale si è subito adoperato per aiutarla, offrendole un passaggio. Ma, una volta salita a bordo, un particolare ha attirato le attenzioni, e i sospetti, della donna: il suo soccorritore, infatti, aveva una bottiglia di vino tra le gambe. In men che non si dica, l’uomo ha iniziato ad accarezzarla e a quel punto, spaventata, la donna ha tentato di fuggire dall’abitacolo. Ne è nata una sorta di colluttazione che ha evitato palpeggiamenti peggiori: la donna è riuscita a liberarsi dalle grinfie dell’uomo, il quale è riuscito a fuggire con il suo portafoglio.

Raccolti tutti gli elementi utili alle indagini – soprattutto quelli registrati da alcune telecamere della zona- nel giro di poche ore la Polizia ha dapprima trovato l’auto dell’aggressore, 24enne, poi ha bussato alla sua porta. Alla vista delle forze dell’ordine l’uomo ha tentato la fuga, terminata però in un vecchio scantinato.

Dopo il rito della perquisizione, per lui sono scattate le manette: ora si trova in carcere e dovrà rispondere delle accuse di violenza sessuale e rapina.



In questo articolo: