Tamponamento tra due furgoni sulla Brindisi-Lecce: registrati rallentamenti al traffico

Il traffico ha subito dei rallentamenti lungo la strada statale 613 Brindisi-Lecce, all’altezza di Cerano, dopo che due furgoni sarebbero stati coinvolti in un tamponamento. Dopodiché, con gli interventi di ANAS e forze dell’ordine, la circolazione è ripresa normalmente.

Rallentamento del traffico e chiusura temporanea di un tratto della strada statale 613 Brindisi-Lecce, all’altezza di Cerano. Una notizia che, dunque, potrebbe interessare anche a chi eventualmente sta rientrando nel capoluogo salentino, considerando l’area dell’ennesimo sinistro lungo le arterie locali. Pare infatti che due furgoni abbiamo impattato l’uno contro l’altro al termine di un tamponamento, provocando quattro feriti poi condotti in ospedale. con le ambulanze Sul posto, oltre ai vigili del fuoco del Comando Provinciale brindisino, anche gli agenti della Polizia stradale per effettuare i rilievi del caso. L’episodio, secondo primissime indiscrezioni, ha provocato grossi rallentamenti.
 
ANAS, inoltre, ci comunica in redazione che – in maniera più precisa – l’incidente sia avvenuto verso il km 6,600, ed è stato provvisoriamente chiuso in direzione nord nella strada statale 613 nel territorio comunale di Brindisi. “L’incidente – scrive sempre ANAS – sulle cui cause sono in corso accertamenti, ha coinvolto due mezzi pesanti causando il ferimento di due persone. Sul posto sono in corso le operazioni di rimozione dei mezzi e di pulizia del piano viabile con la presenza delle squadre di pronto intervento Anas e delle Forze dell’Ordine per garantire la sicurezza della viabilità e ripristinare la circolazione”.
 
“Il traffico – conclude la nota pervenutaci – viene deviato temporaneamente al km 8,500 sulla statale 16 per rientrare nel tratto della variante di Brindisi al km 917+450”. Uno dei due furgoncini sembra fosse carico di confezioni contenenti fogli di carta.

Successivamente, intorno alle ore 14.00, dopo la rimozione dei mezzi incidentati, la circolazione ha ripreso a scorrere regolarmente. Adesso bisogna valutare le condizioni delle persone condotte in ospedale



In questo articolo: