Sua Maestà la ‘patata zuccarrina’, Calimera dedica una due giorni alle bontà del rizotubero

L’evento si terrà nella città grika il 28 e 29 settembre presso l’area mercatale. Degustazioni speciali con ricette a base di patata dolce, dibattiti, concerti e spettacoli teatrali nell’ultimo week end del mese

La patata dolce, la ‘patata zuccarrina’ ovvero la ‘convolvulus batatas’ per gli amanti dei nomi scientifici è quel tubero che le contadine calimeresi, le Patanare, coltivavano e accudivano con grande dedizione, alzandosi quando ancora era buio e il sole non era sorto per garantire l’innaffiatura quotidiana.

Altamente calorico, ricco di amido, potassio e vitamine, il rizotubero era una pietanza speciale, diciamo quasi privilegiata per la colazione dei contadini calimeresi.

La coltivazione della batata a Calimera è attestata nella tradizione orale di molti comuni salentini, nonché da storici locali e calimeresi in particolare.

In suo onore, nell’ultimo weekend di settembre, il Comune di Calimera insieme alla Pro Loco, ad Acea, a Salento Km0, al Gruppo di Azione Locale Isola Salento, daranno vita al progetto Di Sana Pianta e della Società Cooperativa agricola Karadrà.

Due giorni ricchissimi di iniziative all’insegna della  tradizione e dell’innovazione in un format che scommette sull’ecosostenibile e valorizza i prodotti locali.

Sabato 28 e domenica 29 settembre saranno disponibili, sia per l’acquisto sia per la degustazione, le produzioni locali della patata zuccarrina di Calimera, prodotto PAT dal 2017, (Prodotti Agroalimentari Tradizionali) riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali nell’elenco nazionale, con proprio decreto del 14 luglio 2017, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 29 luglio 2017.

Insieme all’appuntamento enogastronomico ci saranno anche i festeggiamenti religiosi in onore della Madonna di Costantinopoli.

Arte, artigianato, design, riciclo, riuso, biologico, naturale, buona musica, momenti di approfondimento: sono questi gli ingredienti della Fiera calimerese di fine settembre.

L’evento si svolge nel rione adibito al mercato settimanale, ovvero nella zona 167 del Comune griko, con l’obiettivo di valorizzare un’area periferica del tessuto urbano cittadino.

Il programma di sabato 28 settembre

Insieme alle degustazioni (tra le quali spiccheranno le chips di patate dolci per grandi e piccini e la “pitta” di patate dolci guarnita con gli ingredienti della tradizione con qualche rivisitazione), ci sarà spazio per il dibattito e l’approfondimento con il convegno: “Donne e Lavoro tra ostacoli e opportunità”. Interverranno: Elena Gentile, Coordinatrice del Comitato scientifico dell’Associazione CREIS, già Assessora regionale al Welfare e Lavoro e Serenella Molendini, Consigliera nazionale di Parità Supplente.

Alle ore 21.00 la serata sarà allietata dalla musica coinvolgente del gruppo musicale”4XZERO” Renato Zero Tribute.

 Il programma di domenica 29 settembre

Domenica 29 settembre la Festa lascia il passo alla tradizionale Fiera della Madonna di Costantinopoli a partire dalle ore 8, presso l’area Mercatale.

Alle ore 21.00, la coinvolgente comicità dello spettacolo teatrale “Pelo e contropelo …e permanente per signora” commedia in tre atti di Raffaele Del Savio rappresentata dalla Compagnia teatrale Panta tha Paddhicaria.



In questo articolo: