A Cursi tornano i festeggiamenti in onore della Madonna dell’Abbondanza

Si parte questa sera e si proseguirà fino a lunedì. Domani in occasione della finale del Campionato Europeo, maxi schermo in Piazza Pio XII.

Cursi torna a celebrare la sua patrona. Saranno festeggiamenti dai toni più pacati quelli in onore della Vergine Santissima dell’Abbondanza, che la comunità dell’entroterra Idruntino da secoli celebra la seconda domenica di luglio.

Dopo la pausa dello scorso anno, dovuta alle restrizioni della pandemia, si torna a far festa, tornano le luminarie, seppur in forma ridotta, torna la musica e la banda, le bancarelle, limitate al settore alimentare della tradizione, quelle dei giochi dei bambini e il luna park. Un modo per tornare alla “normalità” e per onorare la patrona a cui da secoli, la comunità cursiata, si affida e, per invocare la sua intercessione per liberare il mondo dalla pandemia.

“Quest’anno, seppure nel rispetto delle restrizioni e in maniera molto limitata rispetto agli altri anni, abbiamo deciso – dichiara il primo cittadino Antonio Melcore – di avviare un minimo di festeggiamenti per onorare e mantenere viva la tradizione”

Il programma

Si parte oggi, alle 21,30, con il live show di Andrea Baccassino e a seguire l’orchestra del Salento con Gianni Lover intratterrà il pubblico con balli e musiche della tradizione popolare.

Domenica e lunedì sullo spesso palco andrà in scena il Gran Concerto Bandistico della città di Conversano diretto da Susanna Pescetti.

Nel rispetto del distanziamento, gli ingressi saranno contingentati e non ci sarà la tradizionale Cassarmonica.

Come avvenuto in occasione dei mondiali del 2006, che coincisero con i festeggiamenti della Madonna, domenica sera sarà proiettata in diretta sul maxi schermo, in Piazza Pio XII, la finale del campionato degli Europei 2020 Italia-Inghilterra.

Insieme ai festeggiamenti civili anche i riti religiosi, non ci sarà la tradizionale processione, e la statua della Madonna sarà portata in chiesa in forma privata. Le messe eucaristiche saranno celebrate domenica alle 6,00 e alle 9,00 al Santuario, mentre alle 8,30 e alle 11,00 la solenne celebrazione alle 11,00 in chiesa madre. 8,30-11,00 anche lunedì oltre alla messa vespertina delle 19,30, in entrambi i giorni.



In questo articolo: