​Prove generali del concerto vicino alla chiesa, il parroco interrompe la messa e urla contro Orietta Berti

È accaduto a Squinzano. Il Sound Check in vista del concerto di Orietta Berti, atteso in serata, ha infastidito Don Nicola che non ha esitato ad interrompere la celebrazione della messa per cantargliele di santa ragione. L’artista ha risposto con classe.

Il suo è uno dei nomi che hanno fatto la storia della musica italiana. Non c’è persona che non abbia cantato, almeno una volta, «finché la barca va, lasciala andare» o  «l’amore è come l’edera, s’attacca dove vuole. Quel giorno senza dirmelo m’hai presa con un fiore» dell’orecchiabile ‘via dei ciclamini’.  Basta solo questo a capire quanto era atteso dai fan nostalgici il concerto di Orietta Berti che aveva scelto Squinzano come tappa del suo fortunato tour «Dietro un grande amore 50 anni di musica». L’artista, ospite clou dei festeggiamenti per San Rocco da Montpellier, era attesa in serata. Da mesi, infatti, un attivissimo comitato stava organizzando una raccolta fondi per celebrare la festa in modo sobrio ed elegante.
  
Peccato per lei, però, che il palco su cui la cantante avrebbe dovuto esibirsi si trovava al cospetto della chiesa Mater Domini, nella piazza principale della cittadina del nord Salento.  Prima dello spettacolo vero e proprio, sono previste le prove generali, il cosiddetto SoundCheck per far in modo che, imprevisti a parte, tutto fili liscio. La cantante di Cavriago è entrata in scena ed ha iniziato ad intonare i suoi principali successi. La musica – come raccontano alcuni testimoni – ha infastidito il sacerdote, intento a celebrare la messa.
  
Apriti cielo. Don Nicola non ci ha pensato due volte, ha lasciato l’altare di punto in bianco tra lo stupore delle vecchiette e di chi stava assistendo alla funzione ed è uscito sul sagrato a redarguire ad alta voce la Berti, chiedendole con toni accesi di interrompere le prove immediatamente.
  
I presenti si sono divisi in due fazioni: quelli che hanno dato ragione al parroco e quelli che, invece, ritenevano eccessiva la reazione di Don Nicola e poco cortesi i modi con cui si è rivolto ad una cantante che, piaccia o non piaccia, ha un suo calibro e che si è dimostrata molto alla mano con tutti i cittadini.
  
La Berti, alla fine del concerto, è stata brava a stemperare le polemiche che di certo, conoscendo i nostri paesini, non si esauriranno brevemente. Addirittura ha ringraziato il parroco e lo ha salutato. E siamo certi che il prossimo cantante che si esibirà a Squinzano  chiederà con largo anticipo l’orario in cui è prevista la celebrazione della messa.  



In questo articolo: