​Rifiuti abbandonati lungo la strada: Oronza Renna si appella a Gabellone

Una nuova emergenza rifiuti è quella che vede come protagonista la Strada Provinciale 100 Squinzano-Casalabate. La consigliera comunale di Trepuzzi Oronza Renna chiede un intervento immediato a Presidente della Provincia Antonio Gabellone.

Sono in tanti i cittadini che ormai sono esasperati e che adesso chiedono un intervento concreto. Oggetto dell’attenzione di molti salentini è la Strada Provinciale 100 Squinzano-Casalabate disseminata in ogni dove da cumoli di rifiuti abbandonati.
 
Della questione si è fatta carico Oronza Renna, consigliere comunale del Comune di Trepuzzi che ora chiama in causa direttamente il numero uno di Palazzo dei Celestini: ‘A seguito delle segnalazioni giunte dai cittadini di Trepuzzi e non solo ho deciso di scrivere una lettera al Presidente della Provincia Antonio Gabellone per portare alla sua attenzione la situazione di noncuranza in cui versano tratti di tale arteria.
 
Una preoccupazione – scrive Oronza Renna – dovuta alla consapevolezza che tale strada rappresenta, soprattutto in questo periodo, una importante via di accesso alla marina di Casalabate sia per gli abitanti di Trepuzzi e Squinzano che per i numerosi turisti’.
 
Chiede di non abbassare la guardia la consigliera comunale: ‘ritengo importante non sottovalutare neanche il problema di immagine che da questa situazione scaturisce perché – va ricordato – questa arteria costeggia uno dei tesori più belli del nostro territorio: l’Abbazia di Santa Maria in Cerrate, bene affidato al fai che ogni giorno attira un gran numero di turisti, incastonato in uno degli itinerari cicloturistici più importanti e suggestivi della nostra provincia.
 
Non è opportuno quindi che un territorio come il nostro, che anche quest’anno registra il tutto esaurito, consegni a cittadini e turisti una cartolina così sfocata’. ‘Auspico – conclude – un intervento immediato e risolutivo da parte del Presidente Gabellone affinché tale scenario venga rapidamente superato e siano date quanto prima risposte concrete alle numerose sollecitazioni dei cittadini’.



In questo articolo: