Festa della Candelora o giorno della Marmotta. Il bel tempo anticipa ‘un doppio inverno’

Importante festa religiosa cristiana, la Candelora è la festa della luce. Nei Paesi anglosassoni siamo, invece, nel giorno della marmotta

Il 2 febbraio è la festa della Candelora (festa della luce), che non segna solo il timido inizio della primavera, ma anche la fine del Natale. Questo giorno, fino a qualche decennio fa, era dedicato al presepe che veniva accuratamente riposto in attesa del prossimo dicembre. Una tradizione sconosciuta oggi, quando si ‘smantella tutto’ dopo aver festeggiato l’Epifania ed aver aggiunto le statuine dei Re Magi.

La ricorrenza, che è una sorta di data-spartiacque per il calendario contadino, è una importante festa religiosa, apre il cammino verso la Pasqua e celebra anche la Purificazione della Vergine Maria per ricordare quando, per ‘rispettare’ la legge ebraica, la madre di Gesù si recò al Tempio di Gerusalemme, quaranta giorni dopo la sua nascita, per offrire il suo primogenito e compiere il rito della sua purificazione.

Nei paesi anglosassoni, siamo invece nel giorno della marmotta (Groundhog Day), una festa celebrata negli Stati Uniti e nel Canada il 2 febbraio, e si basa sul comportamento di un esemplare di marmotta americana, Marmota monax, un roditore della famiglia Sciuridae, al suo risveglio.

La tradizione vuole che in questo giorno si debba osservare il rifugio di una marmotta. Se questa emerge e non riesce a vedere la sua ombra perché il tempo è nuvoloso, l’inverno finirà presto. Se, invece, vede la sua ombra perché è una bella giornata, si spaventerà e tornerà di corsa nella sua tana e l’inverno continuerà per altre sei settimane.

La tradizione statunitense deriva da una rima scozzese: «If Candlemas Day is bright and clear, there’ll be two winters in the year.»

«Se alla Candelora il cielo è limpido, ci saranno due inverni nell’anno», si mormora. Ecco cosa dice la saggezza popolare.

E allora non resta che dire, buona candelora.

(la foto di copertina è di Maurizio Colella)



In questo articolo: