Lecce-Brindisi, Anas approva i lavori di riqualificazione per la sicurezza sulle statali dal Nord Puglia al Salento

Il CdA di Anas ha approvato l’accordo quadro per lavori di riqualificazione sull’ itinerario Bari-Brindisi-Lecce (le statali 16-379-613). In arrivo a circa 250 milioni di euro.

Nel primo giorno di Giugno, il Consiglio di Amministrazione di Anas ha approvato l’Accordo Quadro per l’esecuzione di interventi utili alla riqualificazione dell’itinerario Bari-Brindisi-Lecce, ovvero le strade statali 16-379-613).

In particolare, gli interventi previsti sono suddivisi in 5 lotti ed inseriti nel Contratto di Programma Anas 2016-2020.

Un focus sul Salento

L’intervento che interessa il Salento inteso in senso lato è quello dei tratti dal km 912 al km 917,450 (Variante di Brindisi), della statale 379 “Egnazia e delle terme di Torre Canne” tra il km 0,000 (Fasano) ed il km 51,020 (Brindisi) e della statale 613 “Brindisi-Lecce” tra il km 0,000 (Brindisi Sud) e il km 34,000 (Lecce).

L’investimento complessivo ammonta a circa 250 milioni di euro e consentirà l’attivazione di una serie di interventi che nel dettaglio riguarderanno la sostituzione delle barriere di sicurezza, la realizzazione di opere di riqualificazione della pavimentazione stradale e l’adeguamento degli impianti tecnologici ai più moderni standard qualitativi, anche mediante la riqualificazione energetica e di telecontrollo degli impianti di illuminazione già esistenti.

L’Accordo Quadro si svilupperà in un arco temporale di tre anni e prevede anche l’installazione di impianti a messaggistica variabile (PMV), che consentiranno una migliore informazione all’utenza stradale.

Un innalzamento dei livelli di sicurezza, quindi, per gli automobilisti che in migliaia percorrono la tratta che collega i 3 capoluoghi pugliesi, nell’intento di tracciare in sicurezza quell’ itinerario turistico che congiunge il nord della Puglia con il Salento.



In questo articolo: