Anche Lecce ha la sua Cop21. Dibattito sull’ambiente con il progetto ‘Green Health’

In un Open Space gremito si è tenuto questa mattina il convegno dal titolo ‘Inquinamento e territorio: prendiamoci cura della nostra salute’. Un evento che rientra nel Progetto ‘Green Health’, la campagna di sensibilizzazione per un uso consapevole del farmaco.

Inquinamento e territorio, un binomio che troppo spesso va a braccetto in luoghi che, anche come il Salento, hanno deciso di investire sulla salubrità, sulla vivibilità e sulla sostenibilità per il rilancio della società e dell'economia.
 
Stamattina a parlarne in un convegno organizzato da Apmar, nell'ambito del progetto ‘Green Health’ tanti relatori che hanno portato all'attenzione di molti studenti dell'istituto Scarambone il contributo dei propri studi e delle proprie analisi sociali.

Già, perchè come ha ricordato Papa Francesco nella sua ultima enciclica, società e ambiente non possono essere due elementi distinti e soprattutto distanti, bensì la diversa faccia di una stessa medaglia che non ha valore se uno dei due momenti perde peso e rilevanza.
 
Subito dopo i saluti del Presidente dell'Ordine dei Farmacisti di Lecce, Domenico Di Tolla, a prendere la parola è stata Ada Chirizzi, Segretario Territoriale di Cisl Lecce che ha ricordato come l'ambiente non possa essere inteso in maniera disgiunta dai fenomeni sociali che da essi vengono condizionati: "Gli enormi flussi migratori che provengono dall'Africa, sarebbero della stessa portata biblica se la desertificazione della zona Sud-Sahariana non avesse raggiunto i livelli che ha toccato negli ultimi lustri?", ha chiesto alla platea.
 
Fortemente interattiva la relazione del biologo e scrittore Stefano Spagnulo che ha presentato la sua ultima fatica editoriale "The smoke inside", raccontando le complicanze a livello di salute, pubblica e individuale, che gli stili di vita contemporanei producono nelle nostre città definite a tutti gli effetti "pneumo-cities".
 
L'Asl di Lecce ha portato il suo contributo attraverso il saluto dell'addetto stampa Sonia Giausa e della relazione del dott Alberto Fedele, Direttore del Dipartimento di Igiene e Sanità dell'Azienda. Tutti gli obiettivi del progetto Green Health sono stati presentati da Raffaella Arnesano, esperta di progettazione sociale.
 
Un ruolo fondamentale nel convegno di oggi è stato giocato dagli studenti e dal mondo della scuola in generale che, nell'ambito dell'iniziativa, hanno effettuato una serie di laboratori avanti per oggetto la tematica dell'inquinamento ambientale; le loro testimonianze, coordinate dal lavoro nelle aule della professoressa Alessandra Botonico, hanno trovato sintesi nella giornata di oggi alla quale hanno preso parte il dirigente dell'Ufficio Scolastico Territoriale, Vincenzo Nicolì e il Dirigente Scolastico dell'Istituto Professionale Scarambone di Lecce, Raffaele Capone. 
 
A introdurre e coordinare i lavori, la Presidente di Apmar Onlus, Antonella Celano che con il suo sodalizio é stata il motore trainante dell'iniziativa Green Health, finanziata da Fondazione con il Sud. Infine ha portato i saluti della Cisl, partner del progetto, il segretario provinciale Antonio Nicolì.  



In questo articolo: