‘La donna doveva saper cucire e alla sarta ia scire…’. Un antico mestiere nei versi di Miriam Perron

In passato si doveva imparare a cucire sin da bambine. Ago, stoffa e filo sostituivano per molte figlie femmine i libri di scuola. I versi di Miriam Perrone ricordano quel periodo

Andare a scuola prima era un privilegio riservato ai figli maschi o alle femmine più grandi o ‘di buona famiglia’. A chi non poteva permettersi ‘il lusso’ di sedersi sui banchi di scuola era riservato un altro privilegio, quello di apprendere un mestiere. ‘Impara l’arte e mettila da parte‘ si diceva allora e forse anche oggi, in giorni in cui si rischia di perdere questo patrimonio inestimabile fatto di manualità, sacrificio e dedizione. Se eri donna, poi, dovevi per forza saper cucire e andare dalla sarta era la tua unica uscita concessa. I versi di Miriam Perrone come un affresco dipingono quelle immagini.

La fimmina era sapire cusire
e alla sarta la faciane scire…
Rriavane la matina mprima
e truavane na signorina sulla trentina…
Tante caruseddre,tutte sulle seggie, cu lu cuttone allu cueddru
e lu ticitale allu ticitieddru.
Ti uardavane fissa quandu trasivi,
poi ti presentavi e una ti iddre ddintavi…
Passave giurni interi a cusire,
puru quannu lu tiempu si mintia a chiuire.
Sulamente la scaramanzia purtava cu nu taia lu martitia e lu vinirdia,
sino lu vestitu capisutta issia…
La gente ci la sintia!
Dru vestitu a pacare rimania…
La mescia la scaramanzia l’era rispettare,
ci ulia cu bessa na mescia ca a dire ti tutti,sapia fatiare!

Traduzione

La donna doveva saper cucire
e perciò la facevano andare dalla sarta.
Giungevano nel suo laboratorio al mattino presto
e trovavano una signorina sulla trentina…
Tante giovincelle, tutte sedute sulle sedie,
con il cotone al collo e il ditale al mignolo.
Ti guardavano fissa quando entravi,
poi ti presentavi e diventavi una di loro.
Si trascorrevano giorni interi a cucire,
anche quando si metteva a piovere.
Soltanto per scaramanzia non si tagliava e cuciva il martedì e il venerdì,
altrimenti il vestito sarebbe uscito certamente male…
E i clienti chi li avrebbe sentiti…
Non avrebbero pagato quel vestito…
La ‘maestra sarta’ doveva rispettare quella regola della scaramanzia
se voleva essere per davvero una maestra apprezzata da tutti!



In questo articolo: