7 mesi di lavori e 35milioni di euro investiti. La Pista Circolare di Nardò riapre, NTC lancia la sfida al futuro

La Pista Circolare di Nardò e la Pista Dinamica Auto del Centro Prove si rifanno il look e tornano ad essere un unicum al mondo. 700 ettari di superficie, più di 20 piste e diverse infrastrutture, oltre 150 persone impiegate: questi i numeri di NTC

35 milioni di euro e 7 mesi di lavori. Questi i numeri che raccontano la ristrutturazione e valorizzazione della mitica Pista Circolare di Nardò – lunga 12,6 km – e della Pista Dinamica Auto del Centro Prove pugliese.

“Questo Centro Prove – dice Malte Radmann, Presidente del Consiglio di Amministrazione di NTC e Amministratore Delegato di Porsche Engineering – è sempre stato unico nel suo genere ed è oggi più che mai una pietra miliare della strategia di sviluppo di Porsche e dell’industria automotive in generale. Lo sviluppo non si fermerà qui. Siamo lieti di rinnovare il nostro impegno ad investire ancora per la regione, in linea con la nostra strategia di lungo termine per questo luogo così speciale’.

Nella giornata di ieri, alla presenza di tutte le autorità, c’è stato il taglio del nastro di cui si è avuta comunicazione oggi. Ma ciò rientra nella strategia di ‘discrezione’ della società.

L’obiettivo dei lavori è quello di assicurare ai propri clienti le migliori condizioni per testare i veicoli di domani. Complessa l’operazione di riasfalto della pista, sulla quale è stato installato anche un innovativo sistema guardrail, sviluppato da Porsche Engineering per Nardò specificatamente per i test ad alte prestazioni. Ma i lavori hanno riguardato anche la ristrutturazione completa della Pista Dinamica Auto, con la sua superficie di 106.000 metri quadrati.

700 ettari di superficie, più di 20 piste e diverse infrastrutture, 90 società automotive tra i suoi clienti e più di 150 persone impiegate: numeri che parlano da soli per NTC. Fondato nel 1975 con la costruzione della Pista Circolare Auto per testare i veicoli in condizioni estreme, l’anello ad alta velocità è un unicum al mondo.

Dal 2012 il Centro Prove è gestito da Porsche Engineering Group GmbH che opera con una rigorosa politica di riservatezza per garantire le strategie dei propri clienti.

‘Vogliamo favorire la crescita e lo sviluppo di tutto l’ecosistema locale a livello economico, occupazionale e sociale e consolidare il ruolo del Centro Prove quale vero e proprio laboratorio di innovazione tecnologica’, così ha concluso il numero uno di NTC lasciando intendere che gli investimenti su Nardò non finiscono qui e che il Salento può contare su un progetto di investimento serio e soprattutto duraturo.

‘ Il nostro obiettivo – ha dichiarato Antonio Gratis, Direttore Generale del Nardò Technical Center – è crescere insieme in modo sostenibile”.



In questo articolo: